Sabato 10 Dicembre

Atletica, Giomi chiede i supporto delle altre Federazioni

Il presidente Fidal chiede alle Federazioni europee supporto e sostegno

Il mondo dell’atletica è nel caos. Lo scandalo doping che ha colpito l’atletica russa ha in realtà investito tutto il mondo atletico. Ieri, durante il G5, il confronto di cinque Federazioni sull’atletica internazionale il Presidente della Fidal Alfio Giomi, dopo aver chiesto di osservare un minuto di silenzio per le vittime degli attentati di Parigi, ha poi focalizzato la riunione sul periodo difficile per l’atletica, in particolare sulle conseguenze che lo scandalo doping ha causato ai Mondiali Junior e alla Coppa del Mondo di marcia, privi di sede perchè organizzati a Kazan e Cheboksary. “La disputa di questi eventi in un continente che non sia l’Europa – le parole del presidente federale – o addirittura la loro cancellazione, sarebbe una sconfitta dell’Europa. Ancor piu’ per Paesi come i nostri che rappresentano gran parte dell’atletica del vecchio continente“. “Quindi – continua il presidente Fidal – chiedo ai miei colleghi di dare la propria disponibilita’ alla Iaaf ad ospitarli. In quest’ottica, l’atletica italiana, se sara’ chiamata in causa, non si tirera’ indietro”. Analogo messaggio e’ giunto da Hansen: “L’atletica – le parole del presidente europeo – e’ nel pieno della tempesta, ma sono convinto abbia al suo interno la capacita’ di reagire. Sosteniamo pienamente il presidente Sebastian Coe, chiamato al compito di restituire forza al nostro sport”.