Sabato 10 Dicembre

Altalena di emozioni all’Adriatico, il Pescara stende l’Avellino con un tris d’autore

LaPresse/Fabio Urbini

Memushaj, Verre e Caprari illuminano la notte pescarese, i gol di Mokulu e Zito non bastano per evitare la sconfitta dell’Avellino

Spettacolo, gol ed emozioni nell’anticipo di serie B tra Pescara e Avellino. Al termine dei novanta minuti di gioco sono i padroni di casa a portare a casa la vittoria, ma quanta sofferenza contro un Avellino che lotta fino alla fine per non uscire sconfitto dall’Adriatico.

LaPresse/Fabio Urbini

LaPresse/Fabio Urbini

I primi minuti di gioco le due squadre si studiano per trovare il varco giusto per passare in vantaggio. I minuti passano ma Fiorillo e Frattali rimangono inoperosi, finchè alla mezz’ora il Pescara passa. E’ Memushaj dal dischetto a portare avanti i biancoazzurri e a mandare le squadre negli spogliatoi sul risultato di 1-0. Nella ripresa, trascorsi sette minuti, Valerio Verre raddoppia mettendo una seria ipoteca sul match. A questo punto Tesser si gioca il tutto per tutto togliendo Bastien e Gavazzi per Insigne e Zito il quale, dopo solo un minuto dal suo ingresso in campo, riapre il match su assist di Marcello Trotta. L’Avellino ci crede e continua a spingere ma nel momento migliore degli irpini, ecco il tris di Caprari che mette in ghiaccio il risultato. Nel finale c’è spazio per la rete di Mokulu che fissa il definito punteggio sul 3-2.