Mercoledi 7 Dicembre

Alex Del Piero progetta il suo futuro: “smetto? Non lo so. Lasciamo crescere Pogba, la Juve tornerà in alto”

LaPresse/Daniele Badolato

L’ex capitano della Juventus ha parlato a margine di una conferenza che si è svolta ieri al Consolato italiano di New York. Serata dedicata alla presentazione del progetto “Save the dream in Times Square” di cui Del Piero è testimonial

Dall’Italia all’Australia, dal bianconero della Juventus al blu del Sydney Fc, una vita al massimo, una carriera scintillante per la quale sono finiti, da tempo, gli aggettivi per descriverla.

LaPresse/Alfredo Falcone

LaPresse/Alfredo Falcone

Alessandro Del Piero non si tira mai indietro quando c’è da parlare di calcio, una passione mai sopita dentro di lui: “giocare mi manca un pò, è da qualche mese che non indosso gli scarpini ma, forse, da oggi mi mancherà per sempre. Non lo so“. commenta Alex  a margine di una conferenza che si è svolta ieri nella serata americana al Consolato italiano a New York e che era dedicata alla presentazione del progetto “Save the dream in Times Square“.  L’idolo dei tifosi juventini non si pone limiti e sottolinea: ” il calcio è la mia passione per cui non è che ci debba essere un momento in cui uno dice ‘Smetto? Non smetto?’ No. Il calcio sarà sempre parte della mia vita. Mi trovo in un momento di riflessione a 360 gradi su quello che sarà il mio futuro e siccome il calcio è la mia passione, lo vivrò sempre in maniera totale“.

nesta-miami Alex Del Piero ha trovato la sua dimensione ideale a Los Angeles, in California, dove vive ormai da un anno e mezzo. Gli Stati Uniti, da qualche anno ormai, stanno investendo molto sul “soccer” e questo ha convinto molti campioni del passato ad intraprendere una carriera lavorativa oltreoceano, come Alessandro Nesta: “sono contende che Ale sia l’allenatore dei Miami Fc, sono convinto che farà bene. Per certi aspetti un Paese come gli Usa dà la possibilità di fare tanto a chi è nella nostra posizione“. Del Piero si è lasciato andare anche a qualche commento su Pogba e il momento non molto felice della Juventus: “Paul è un giocatore molto giovane che ha un grandissimo talento. Già mezza Europa lo segue, ma dobbiamo lasciargli il tempo di sbagliare, di imparare, di esprimere il proprio talento e di crescere.

LaPresse

LaPresse

Lo farà perchè ha tutte le qualità per poterlo fare“. Per quanto riguarda la Juve: “i bianconeri hanno una rosa molto competitiva, la vittoria contro il Torino ha dato sicuramente morale, se riescono a fare un filotto di vittorie torneranno in alto in men che non si dica. Parlando di spettacolo è bello che ci siano molte più squadre coinvolte per la lotta al titolo, da assatanato juventino ovviamente gli ultimi anni sono stati gloriosi, fantastici per la Juve perché ha avuto delle cavalcate incredibili. Oggi è un campionato esaltante perché non sai cosa può accadere, non sai chi può prendere la testa della classifica ma soprattutto chi arriverà in fondo. Anche il Milan sta tornando in alto, Mihajlovic farà bene“. La manifestazione “Save the dream in Times Square” è un evento che si terrà oggi nella famosissima piazza newyorchese con la nazionale italiana di ginnastica ritmica e tanti altri atleti, tra cui Del Piero come testimonial, per promuovere lo sport e il diritto al gioco, specialmente tra i bambini che vivono in contesti difficili.

save the dreamSono capitano e testimonial da tre anni, quando è nata questa fondazione che è focalizzata nel cercare di dare soprattutto ai bambini un’opportunità e un aiuto. Ho il piacere di avere a fianco tanti grandi atleti di altre discipline, come Giusy Versace, per divulgare questa causa importante”.