Lunedi 5 Dicembre

Terremoto diritti tv: indagati Lotito, Paparesta e Preziosi

Ennesimo scossone subito dal calcio italiano: stavolta lo scandalo diritti tv colpisce Lotito, Paparesta e Preziosi

Nell’inchiesta della Procura di Milano che sta indagando sulle presunte irregolarità nell’assegnazione dei diritti tv del calcio risalenti alla scorsa primavera, fra gli indagati per ipotesi di ostacolo all’attività di vigilanza della Covisoc (Commissione per la vigilanza e il controllo delle società di calcio), compaiono diversi nomi illustri del nostro panorama calcistico: Claudio Lotito, presidente della Lazio e componente del Consiglio Federale della FIGC, Enrico Preziosi, presidente del Genoa e Gianluca Paparesta, presidente del Bari.

LaPresse/Iannone

LaPresse/Iannone

E’ il Corriere della Sera a fare i nomi in riferimento ai presunti ritocchi (ovviamente al rialzo) dei bilanci delle società, tramite operazioni finanziarie con sedi anche all’estero e ricondubicili a “Infront”, società che si occupa di diritti sportivi e il cui numero uno è Marco Bolgarelli, o a “Tax and Finance”, altra società di cui fa parte Andrea Baroni, arrestato per riciclaggio in un altro filone dell’indagine della Procura milanese.

Ritocchi ai bilanci che avrebbero in tal modo consentito, questa l’ipotesi del pubblico ministero, di far figurare davanti ai controlli della Covisoc un determinato equilibrio finanziario, necessario per far rispettare i parametri economici richiesti dalla normativa sulle società calcistiche professionistiche.

Va leggermente distinta la posizione di Lotito, il quale entra nell’indagine per il ruolo ricoperto in seno alla FIGC, ma comunque invischiato in una nuova brutta pagina del calcio italiano.