Domenica 4 Dicembre

Tennis, le parole di Flavia Pennetta dopo l’ultima partita della sua carriera

LaPresse/Reuters

Flavia Pennetta è stata eliminata dalle Wta Finals nel match di oggi contro Maria Sharapova, ultima partita in carriera dunque per la tennista brindisina

Fino alla fine non ho pensato che poteva essere il mio ultimo incontro: mi sentivo normale. Del resto se avessi vinto un set avrei giocato ancora sabato … . Ci ho pensato solo sul match-point quando ho mi sono detta “ok, è finita“. Parola di Flavia Pennetta che, a meno di ripensamenti, ha salutato il tennis agonistico con la sconfitta contro Maria Sharapova nelle Wta Finals che le ha precluso le semifinali. “E’ stato un gran match, Maria ha giocato in maniera incredibile. Non ricordo di averla mai vista giocare e servire così. Veniva da un infortunio e non credevo sarebbe stata subito così competitiva.
Nel secondo set è stata perfetta, le riusciva tutto, compresi drop-shot e volée. Nel primo set c’è stato un game che ha fatto la differenza, quando sul 4-3 a mio favore sono un po’ calata ed ho commesso due doppi falli. Credo di aver perso la mia chance in quel gioco“. Si torna a parlare del suo addio: “Giocare la mia ultima partita contro una campionessa come Maria è stato fantastico. Proprio un bel modo per dire addio al tennis, perché quando perdi contro una giocatrice così non ci sono troppe cose da aggiungere“. Nel futuro le mancheranno “le altre giocatrici che in un certo senso in questi anni sono state la mia famiglia.
Credo però che mi mancherà anche la competizione: quando entri in campo, soprattutto se è un centrale, provi qualcosa di davvero speciale. E non credo che proverò mai più qualcosa del genere.
D’altro canto sono davvero felice di cominciare un’altra parte della mia vita“. In tema di bilanci: “La cosa che mi rende più orgogliosa? Essere riuscita ad essere forte, sempre. Ho avuto molti infortuni e ho dovuto ricominciare da zero diverse volte.
Io penso che questa sia una cosa molto importante. Riuscire a ripartire ogni volta e ritrovare sempre la giusta forza mentale“.