Martedi 6 Dicembre

Spettacolo senza fine al Partenio, 3-3 pirotecnico tra Avellino e Brescia

LaPresse/Gerardo Cafaro

L’Avellino va due volte in vantaggio prima con Arini e poi con Insigne. Il Brescia nella ripresa pregusta la vittoria grazie alla doppietta di Kupisz finché Bastien non sigla il definitivo pari

Gol a grappoli e spettacolo senza fine al Partenio tra Avellino e Brescia. Finisce 3-3 con tante occasioni da rete, salvataggi sulla linea e anche un palo per i verdi padroni di casa, trovato sugli sviluppi di una grandissima giocata di Roberto Insigne.

 LaPresse/Gerardo Cafaro

LaPresse/Gerardo Cafaro

Obiettivi opposti per le due formazioni scese in campo per l’anticipo dell’ottava giornata di serie B. L’Avellino per tirarsi fuori dalle secche della bassa classifica, il Brescia per entrare nella zona play-off. Partono benissimo i padroni di casa che già dopo tre minuti passano in vantaggi grazie al gol di Arini perfettamente servito da Marcello Trotta. Il minimo vantaggio resiste fino a cinque minuti dalla fine del primo tempo, quando Geijo sfrutta un errore della difesa avversaria e rimette le cose a posto. Nella ripresa le squadre scendono in campo dando alla sfida un ritmo forsennato. Roberto Insigne riporta avanti l’Avellino dopo 180 secondi ma questa volta il Brescia fa ancora meglio rispetto alla prima frazione. Infatti Kupisz, con una straordinaria doppietta firmata in quattro minuti, ribalta tutto e fa sognare le rondinelle. Passano otto minuti e un gol capolavoro del giovane francese Bastien vale il 3-3 che fa esplodere il Partenio. L’Avellino continua a premere e, prima con Mokulu che colpisce il palo, poi con Trotta, sfiora il vantaggio. L’ultima occasione del match è un pericoloso colpo di testa di Caracciolo che Minelli respinge in tuffo.