Sabato 10 Dicembre

Serie A: Roma forza 4 a Palermo, Perisic regala il pari all’Inter a Marassi. Udinese e Genoa non si fanno male

LaPresse/Davide Anastasi

Gervinho, Florenzi e Pjanic lanciano la Roma a Palermo. Gol numero 208 per Di Natale in Serie A, per Perisic invece è il primo e vale tanto per i nerazzurri

Comincia col botto questo lungo pomeriggio domenicale targato Serie A Tim. Gol, emozioni e spettacolo in tutte e tre le gare andate in scena alle 15. Cominciamo da Palermo dove la Roma rischia di gettare al vento un sontuoso primo tempo concluso in vantaggio per 3-0.

 LaPresse/Valerio Andreani

LaPresse/Valerio Andreani

Pronti via e Pjanic, con un delizioso tocco sotto, buca Sorrentino e regala il vantaggio ai giallorossi che raddoppiano qualche minuto dopo con Florenzi che piazza la sfera sotto la traversa dove il portiere rosanero non può arrivare. Alla mezz’ora Gervinho cala il tris con un destro a giro che si spegne all’incrocio dei pali. Nella ripresa Iachini si gioca la carta Gilardino ed è tutto un altro Palermo. L’attaccante ex Guangzhou ci mette pochissimo a riaprire i giochi con un piattone sinistro che beffa Szczesny in uscita. Il Palermo preme ma trova il raddoppio solo al 90′ con Gonzalez. Ci si aspetta l’arrembaggio dei siciliani ma è la Roma a chiudere i conti con il solito Gervinho. Pareggia l’Inter a Marassi contro una Sampdoria che gioca bene per 70 minuti ma regala gli ultimi scampoli di gara alla volenterosa formazione nerazzurra che pareggia il gol di Muriel con la prima rete in serie A di Perisic.

 LaPresse/ Valter Parisotto

LaPresse/ Valter Parisotto

Gara all’insegna dell’equilibrio anche nel rinnovato Friuli di Udine dove Udinese e Genoa non si fanno male e si dividono la posta in palio. Ad inizio ripresa Di Natale sigla il gol numero 208 nella massima serie, gol che non serve a portare a casa i tre punti a causa dello sconsiderato intervento di Danilo che stende Gakpè in area e regala il penalty ai rossoblù. Perotti dal dischetto fa 1-1 e regala il primo punto in trasferta a Gasperini.