Domenica 11 Dicembre

Serie A – Juventus, una vittoria scaccia incubi: Lazio, fatica e sorriso

LaPresse/Marco Alpozzi

La squadra di Allegri va subito in svantaggio, poi recupera e ribalta il risultato con le reti di Morata, Dybala e Khedira. La Lazio soffre più di quanto dica il risultato, ma alla fine porta a casa i tre punti contro il Frosinone

La grande paura. Potrebbero definirsi così i ventotto minuti che intercorrono tra la rete di Mounier ed il pareggio di Morata. Pronti-via e Juventus subito sotto, Masina inventa per l’attaccante francese, difesa bianconera immobile e Buffon battuto. Bologna in vantaggio, Stadium sotto choc, ma la Juventus dimostra subito che è stato un caso: i bianconeri arrembano, trovano il gol con Morata, poi passano su rigore con Dybala e alla fine chiudono i conti con Khedira. Occhio allo centrocampista tedesco, potrebbe stravolgere (in positivo) la squadra di Allegri. Che nell’esultare scarica rabbia accumulata e porta a casa i tre punti. Per convincere ci sarà tempo, per adesso va bene così.

Sorride anche la Lazio, ma che fatica. Il due a zero contro il Frosinone firmato Keita e Djordjevic fa sembrare tutto semplice, ma la realtà dice ben altro. In casa biancoceleste le assenze sono molte, nel corso della gara costretto a gettare bandiera bianca anche Marchetti sostituito da Berisha. La squadra di Stellone si difende bene, stringe i denti e non soffre poi così tanto. Ma alla fine una magia di Keita, nell’arrembaggio finale, toglie dai guai Pioli e regala alla Lazio il secondo successo consecutivo. In attesa, anche in questo caso, di giorni migliori….