Sabato 10 Dicembre

Sarri allontana le facili euforie: “parlare di scudetto è come bestemmiare”

LaPresse/Gerardo Cafaro

Il tecnico del Napoli non vuole sentir parlare di scudetto: “la Fiorentina è arrivata davanti al Napoli lo scorso anno e, adesso, è ancora davanti. Sono più forti loro”.

Se Sousa si nasconde Sarri non è da meno. “Se la Fiorentina è la capolista non è un caso – dice presentando il match del San Paolo – è l’unica squadra che ha avuto il predominio sempre, in ogni partita. Noi abbiamo una classifica intermedia e siamo alla ricerca della continuità che è l’unica arma che abbiamo per risalire qualche posizione“.

LaPresse/Gerardo Cafaro

LaPresse/Gerardo Cafaro

Vietato parlare di scudetto: “è una bestemmia, la Fiorentina ha vinto 4 a 1 a San Siro contro l’Inter. La Fiorentina dovrà vincere lo scudetto, mica noi. Sono loro davanti a noi, sono più forti“. Per il titolo la strafavorita è ancora la Juventus: “non ho mai comprato un gratta e vinci in vita mia. Questi giochini non mi piacciono. Siamo al settimo chilometro di una maratona. La stragrande favorita di questo campionato è ancora la Juventus. Escludere la Juve dalla lotta scudetto è follia pura, è una squadra che ha pagato alcune cessioni, ma la loro forza è più che importante in Italia“. Si torna a parlare di Fiorentina. Il match non può essere come gli altri. “Abitavo a 15 chilometri da Firenze, non saranno mai avversari normali per me. Mi farebbe piacere fare una bella figura domani“. L’ultima parola è per il San Paolo. “I risultati aiutano a livello di entusiasmo, ma per i tifosi non è facile seguirci sempre anche per una questione economica. La Fiorentina è prima in classifica ed il pubblico verrà allo stadio, mi aspetto un inferno al San Paolo“. Ed un invito ad Higuain:per fortuna è rimasto qui, mi sembra in un momento di grande convinzione e spero che sia lui il decisivo domani“.