Giovedi 8 Dicembre

Salah-Fiorentina, la ‘guerra’ continua. L’ad viola: “decide la FIFA”

LaPresse/Alfredo Falcone

Torna ad accendersi il caso-Salah, l’Ad della Fiorentina attacca l’egiziano: “situazioni spinte dal denaro, c’è un procedimento aperto e deciderà la FIFA se sanzionarlo”

LaPresse/Valerio Andreani

LaPresse/Valerio Andreani

Salah alla Roma, tutti felici e contenti dopo il matrimonio giallorosso? Macché, la vicenda è pronta ad arricchirsi di altri (sorprendenti?) capitoli. Dopo una battaglia durata tutta l’estate, che ha visto protagoniste Inter, Chelsea, Roma e Fiorentina intorno al trasferimento dell’attaccante egiziano alla corte di Garcia sembrano esserci ancora delle ombre regolamentari. Ad annunciarlo è l’amministratore delegato della Fiorentina Mencucci ai microfoni di Tele Iride. “Quando Salah  è arrivato a Firenze il 99% delle persone non lo conosceva: tanti pensavano che se Mourinho non lo faceva giocare probabilmente non era poi così bravo. A Firenze ha trovato le giuste motivazioni, ha fatto bene. Lui aveva firmato un contratto pluriennale, pur avendo quella carta che gli concedeva quel fantomatico diritto di veto, ma solo per tornare al Chelsea. La cosa che possiamo aver sottovalutato è che lui facesse questo cambio repentino, sicuramente spronato da quello che ci vuole offrire il Kebab in Piazza della Signoria. Sono tutte situazioni spinte dal denaro. La questione è tutt’altro che chiusa, c’è un procedimento aperto alla FIFA la quale deciderà se i comportamento di Salah è stato giusto o meno, se non è stato giusto potrà essere sanzionato nel modo che la FIFA riterrà opportuno”.