Mercoledi 7 Dicembre

Rosario e i suoi figli: da Che Guevara a Mauro Icardi

LaPresse/Spada

Rosario, una grande città che ha dato i natali a persone destinate a diventare importanti

Rosario è la città più grande e popolata della provincia di Santa Fe. Argentina. Qui, il 14 giugno del 1928 nasce Ernesto Guevara de la Serna, meglio noto come Che Guevara o ancora più semplicemente “el Che”: icona rivoluzionaria, guerrigliero di mille battaglie, scrittore di gusto, medico malato d’asma. Rosario è situata a circa 300 km a nord della capitale argentina, Buenos Aires. Qui, il 19 febbraio del 1899 nasce Lucio Fontana. Pittore, ceramista, scultore. Argentino di nascita, italiano d’adozione. Lucio Fontana fondò, in un momento di estrema fertilità creativa italiana, il movimento spazialista. E si scontrò con le sue tele a tal punto che un giorno decise, concettualmente, di attraversarle, di tagliarle. Quei tagli su tela sono poi diventati, per sempre, i suoi “concetti spaziali”. Rosario è città cosmopolita, al centro di una regione molto importante dal punto di vista economico per l’Argentina intera. Qui, il 19 febbraio (guarda il caso, a volte) del 1993 nasce Mauro Emanuel Icardi Rivero. Origini piemontesi. Doppio passaporto. Calciatore. Attaccante. Numero 9 e capitano dell’Inter di Mancini. Che domenica sera affronterà la Juventus a San Siro in un match molto importante nello stabilire le gerarchie ufficiali del campionato in corso.
Qui Rosario, passo e chiudo.