Giovedi 8 Dicembre

Roma 2024: Malagò a Washington per presentare il progetto

Giovanni Malagò è volato a Washington per presentare il progetto di Roma 2024

Si conoscono tutti. Anni di rapporti, contatti, lavoro. E’ il mondo dello sport che si incontra in queste ore a Washington per la 20/a assemblea generale dell’Anoc, l’associazione dei comitati olimpici nazionali, con un programma fitto che ha sullo sfondo gli obiettivi di innovazione fissati all’agenda 2020. Ed e’ qui, nella capitale americana, che parte il countdown per il ‘viaggio’ di Roma2024, con una ‘missione’ di lobbying che vede in azione il consolidato tandem Malago’-Montezemolo per presentare il progetto al mondo. Un progetto preceduto da ”rispetto. Curiosita’ e credibilita”’, riservati all’Italia, sottolinea il presidente del Coni Giovanni Malago’ arrivato in citta’ con il ”doppio occhio”, quello del comitato olimpico e quello del progetto ‘Roma 2024′, per cogliere un’opportunita’ tra le piu’ preziose, dove e’ imperativo esserci e al meglio. Non fosse altro che per la presenza massiccia in queste ore a Washington di membri del Cio che voteranno nel 2017 la sede delle olimpiadi cui Roma aspira. Se ne contano almeno 44, ovvero circa la meta’ degli ‘aventi diritto’ al voto previsto per il settembre 2017 nell’ambito dell’Assemblea Cio a Lima e per cui si attende la data precisa, notizia quest’ultima che proprio nei corridoi dell’albergo a Washington dove ha luogo l’assemblea dell’Anoc potrebbe rimbalzare in queste ore e prima che altrove.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

La delegazione del Coni affiancata da una rappresentanza del comitato promotore di Roma 2024 viene cosi’ a rappresentare un lavoro congiunto con uno sforzo che il mondo del Cio apprezza, ha spiegato Malago’: ”Non ho trovato nessun membro del Cio cui ho dovuto raccontare chi fosse Montezemolo, un uomo di industria ma anche un uomo di sport”, ha detto il presidente del Coni sottolineando come molto apprezzata la possibilita’ di valore aggiunto dato da persone provenienti da altri mondi. E allora alla domande su come si procede sulla costruzione del dossier Roma 2024, si risponde presentando prima di tutto una visione e si parla di sfida e opportunita’ per spiegare la ragione per cui Roma si fa avanti. La strada e’ lunga e si inserisce anche in un contesto ”in trasformazione” con gli aggiustamenti necessari per rispondere alle aspettative dell’agenda 2020, ma i cui punti fissi sono chiari e imprescindibili: trasparenza e professionalita’. Eccolo quindi il vantaggio dell’Italia che, spiega ancora Malago’, gode di forte ”credibilita’ internazionale anche sulla base del fatto che noi siamo sempre molto rispettosi’‘. O le iniziative di cui l’Italia si fa capofila per ”dare un segnale dal mondo dello sport”, sottolinea ancora Malago’, ricordando la ‘presenza’ del Coni anche nell’affrontare l’emergenza migranti, con la disponibilita’ per esempio a realizzare piccole infrastrutture leggere nei campi di rifugiati. E’ quindi su questa reputazione che viaggia anche ‘Roma 2024′ e il countdown lanciato a Washington. Che non puo’ tuttavia prescindere da uno sforzo collettivo, anche questo elemento su cui gli occhi restano puntati e si formano giudizi. Lo conferma lo stesso Malago’ nel sottolineare i “grandi complimenti per il dinamismo di Renzi” e indicando che il presidente del consiglio tornera’ a incontrare il presidente del Cio Thomas Bach gia’ all’inizio del prossimo anno, tra gennaio e febbraio, a Losanna.