Giovedi 8 Dicembre

Roma 2024: incontro a Bonn sulle Paralimpiadi

Pancalli ha incontrato oggi a Bonn il segretario generale dell’IPC Gonzalez per un approfondimento sulle Paralimpiadi 2024

E’ stato il primo significativo incontro per pianificare l’impostazione e lo sviluppo del processo di candidatura della città di Roma, con un particolare approfondimento sull’evento dedicato alle Paralimpiadi, che proprio la capitale italiana ha ospitato per la prima volta nel 1960.

LaPresse/Fabio Cimaglia

LaPresse/Fabio Cimaglia

Il Vicepresidente del Comitato Roma 2024, Luca Pancalli, ha incontrato a Bonn Xavier Gonzalez, il Segretario generale dell’International Paralympic Committee (IPC, equivalente del Cio per le Paralimpiadi), e Thanos Kostopoulos, Integration Director dello stesso IPC.
Roma 2024 si muove dunque con grande anticipo sul fronte internazionale e lavora perché i valori di inclusione e di partecipazione rappresentati proprio dalle Paralimpiadi siano parte integrante di ogni attività in programma per promuovere la candidatura italiana a ospitare i Giochi Olimpici e Paralimpici del 2024.
Nell’incontro, Pancalli ha illustrato all’organismo internazionale le sedi italiane candidate a ospitare le discipline paralimpiche, e le numerose iniziative dei giorni scorsi alle quali hanno partecipato atleti paralimpici, quali Oxana Corso e Alessio Sarri (incontro con i dirigenti scolastici lo scorso 8 ottobre) e Annalisa Minetti (ieri con gli studenti universitari di Tor Vergata). Questi momenti, ha fatto presente il Comitato, permettono di creare una legacy concreta già nel biennio di candidatura, con incontri di formazione nelle scuole organizzati proprio per approfondire e trasferire i valori olimpici e paralimpici ai giovani.
Grande apprezzamento e interesse è stato infine espresso dall’IPC per la Città dello Sport Paralimpico di Tre Fontane, centro di avviamento e allenamento in fase di costruzione all’EUR , che rappresenterà un sito all’avanguardia a livello mondiale. “Proprio a riprova– ha fatto notare il Vicepresidente – della serietà dell’impegno di Roma anche sul fronte Paralimpico”.