Giovedi 8 Dicembre

NBA, finisce la telenovela Thompson: trovato l’accordo con Cleveland

LaPresse/Reuters

Tristan Thompson rimane a Cleveland: finisce il tira e molla dell’estate

E’ stata la telenovela dell’estate ed è finalmente finita: Tristan Thompson resta a Cleveland, firmando un nuovo contratto quinquennale da 82 milioni di dollari, salario completamente garantito. Costretto a saltare tutto il training camp e la pre season in attesa di un accordo, Thompson è il regalo che i Cavs si sono fatti a pochi giorni dal via di una stagione in cui l’obiettivo è vincere, almeno secondo i general manager Nba. Tutto questo ha però un prezzo: Cleveland arriva infatti a 170 milioni di dollari fra salary e luxury tax, il secondo di sempre dietro i 197 milioni spesi da Brooklyn nel 2013-14: la superstar LeBron James ha però fatto una promessa “portare un titolo nel Nordest Ohio”, e il proprietario dei Cavs Dan Gilbert ha deciso di non badare a spese per aiutarlo a mantenerla.

24 anni, quarta scelta assoluta al draft 2011, Thompson ha costruito la sua fama di lottatore sotto canestro su difesa e rimbalzi. Ha viaggiato a 8 di media, più di tutti dalla panchina, nella scorsa regular season, salendo fino a 10,8 (di cui 4,4 sotto il canestro avversario) nella cavalcata playoff 2015 chiusa alle Finals. “E’ stata una lunga estate di lavoro, ma ora è il momento di tornare a Cleveland per finire il lavoro” ha scritto su Instagram Thompson, che già da oggi dovrebbe tornare a lavorare con i compagni.

Lapresse / ZUMAPRESS

Lapresse / ZUMAPRESS

“Mi manchi, fratello” aveva scritto King James su Instagram poche settimane fa e va detto che Thompson aveva rispettato LeBron e squadra non trattando mai con nessun altro, nemmeno quando il suo agente minacciava che il 2015-16 sarebbe stata l’ultima stagione in Ohio del suo cliente, se non fosse arrivato quel massimo salariale da oltre 94 milioni di dollari che TT ha sempre chiesto.

Spese pazze per i Cavs in quest’estate: nuovo accordo quinquennale per Kevin Love da 113 milioni di dollari, quadriennale da 40 per Iman Shumpert, 23 per un anno a LeBron James e un’opzione da 24 per un secondo, biennale da 4,3 a Mo Williams più il ritorno di JR Smith a 10 milioni per due anni: in Ohio l’obiettivo è vincere, subito.