Sabato 10 Dicembre

Nba: degli italiani sorride solo Marco Belinelli

Solo Marco Belinelli, tra gli italiani in Nba, riesce a portare a casa, con i suoi Sacramento Kings, una vittoria

Sorride Marco Belinelli, serata amara per Danilo Gallinari e Andrea Bargnani. I Sacramento Kings travolgono 132-114 i Lakers e per la guardia di San Giovanni in Persiceto ci sono oltre 22′ in campo partendo dalla panchina: 6 punti con 2/7 dal campo (1/5 da tre) e 1/2 dalla lunetta, due rimbalzi, due assist, una palla recuperata e una persa il suo score. A trascinare la squadra di Karl sono soprattutto Rondo (21 punti), Cousins (21 punti e 11 rimbalzi) e Gay (19 punti) mentre il migliore dei gialloviola e’ Clarkson con 22 punti. In ombra Bryant (13 punti con 5/12 al tiro).

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Seconda sconfitta in due gare per Brooklyn, travolta 102-75 da San Antonio. Fuori dal quintetto di partenza, Andrea Bargnani gioca oltre 16′ ma mette a referto appena 5 punti (1/3 da due e 1/1 da tre) e un rimbalzo. Si salva Lopez (17 punti), Popovich ringrazia invece Leonard (16 punti e 10 rimbalzi) e l’eterno Duncan (15+8). Non va meglio a Danilo Gallinari, battuto assieme ai suoi Nuggets per 95-78 da Minnesota. Serata al tiro non brillante (4/13 con 0/3 dalla lunga distanza e 2/2 ai liberi) per l’azzurro che chiude con 10 punti in 33′ oltre a due rimbalzi, un assist e una palla persa. Mudlay (15 punti) e Barton (14 punti) non bastano a Denver mentre i Wolves si godono un Towns (28 punti e 14 rimbalzi) straripante.

Lapresse / ZUMAPRESS

Lapresse / ZUMAPRESS

Nelle altre gare della notte, debutto casalingo vincente per Cleveland, che supera 102-92 Miami con 29 punti di James e doppia doppia di Love (24 punti e 14 rimbalzi), per gli Heat 25 punti di Wade e 16 di Bosh. Grandi emozioni all’Amway Center di Orlando, dove Oklahoma City la spunta sui Magic per 139-136 dopo due overtime. Decisivi i soliti Durant (43 punti e 12 rimbalzi) e Westbrook (48 punti e 11 assist), per Orlando 30 punti di Harris e tripla doppia di Oladipo (21 punti, 13 rimbalzi e 10 assist). Nella rivincita dell’ultima finale della Western Conference, Golden State piega Houston 112-92, con Curry (25 punti) che si aggiudica il duello personale con Harden (16 punti). La Nba, intanto, piange la scomparsa a 71 anni di Mel Daniels, protagonista a inizio anni Settanta con gli Indiana Pacers dove ha vinto per tre volte il titolo.