Domenica 4 Dicembre

MotoGp, Valentino Rossi mette pressione a Lorenzo: “ha l’obbligo di vincere”

LaPresse

Primo match point in Malesia per Valentino Rossi che arriva a Sepang con undici punti di vantaggio sul compagno di squadra Jorge Lorenzo

E’ un match point diviso in due parti. E’ come nel calcio, il secondo tempo sarà a Valencia, speriamo di essere pronti“. Così Valentino Rossi si prepara all’appuntamento del weekend, il Gran Premio della Malesia, penultima prova del Mondiale MotoGp, dove è chiamato a difendere il vantaggio di 11 punti sul compagno di squadra Jorge Lorenzo.
LaPresse/REUTERS

LaPresse/REUTERS

E’ una stagione molto lunga, come sempre si lotta punto su punto con Jorge, la pressione rende la gara ancora più difficile“, ha spiegato il ‘Dottore’ in conferenza stampa. “Siamo passati da ogni tipo di momento e ora siamo qui a due gare dal termine con soli 11 punti di differenza. Sarà difficile ma al tempo stesso una bella battaglia da seguire anche perché come livello siamo simili, il gap è minimo“. “Sepang mi piace molto – ha proseguito Rossi – penso che la maggior parte dei piloti ami questo circuito. L’asfalto è più consumato e rende le cose più difficili. Aggiungiamo le condizioni meteo estreme, con il grande caldo. E’ sempre un piacere guidare in questa pista. Gli ultimi giri sono sempre incredibili e molto difficili, è lì che devi spingerti al limite“. “Se avrò un atteggiamento diverso? È la prima chance per me, metterà più pressione su Jorge, dovrà arrivare davanti a me e prendere punti prima di Valencia“, ha osservato il pilota della Yamaha. “Per me sarà come sempre, dovrò dare il massimo e lavorare bene nelle libere e capire cosa succederà con il meteo per essere pronto alla gara“.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Il pensiero corre al 2009, ultimo trionfo di Rossi nel Mondiale: “Allora ci fu una battaglia feroce con Jorge, ci furono più alti e bassi e più errori. Stavolta siamo più costanti, abbiamo un buon passo. Ma ogni stagione è una storia a sé“. “Le critiche dei miei tifosi a Iannone dopo Phillip Island? E’ un peccato, queste persone sono stupide“, è il commento di Rossi. “Purtroppo questo è il momento dei social dove tutti possono dire cosa pensano anche se sono idee stupide. Alle persone piace parlare male degli altri, magari di chi è più fortunato e ha più talento di loro. Mi spiace per Andrea, ha fatto la sua gara ad è normale che abbia fatto tutto per vincere“.