Venerdi 2 Dicembre

MotoGp: Valentino fa bene ad andare a Valencia ?

LaPresse/Reuters

Valentino Rossi aveva messo in discussione la sua partecipazione all’ultima tappa del Motomondiale, noi però siamo convinti che la sua presenza a Valencia valga più di mille parole

Il caso scoppiato a Sepang, dopo il duro “scontro” tra Valentino Rossi e Marc Marquez che ha provocato la caduta dello spagnolo e la conseguente penalizzazione del pilota italiano, ha toccato nel profondo l’animo di appassionati, piloti e addetti ai lavori appartenenti a questo sensazionale motorsport. Rossi, pesantemente demoralizzato dalla decisione presa in Race Direction che lo ha relegato nell’ultima fila a Valencia, e più in generale dall’accaduto, aveva dichiarato di non essere sicuro di voler partecipare all’ultima tappa del mondiale.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Nonostante sia comprensibile l’amarezza del nove volte iridato, non andare a Valencia sarebbe un messaggio decisamente negativo nei confronti di chi ha sostenuto e continua a sostenere Rossi con tutte le forze. Non presentarsi all’ultima tappa del Mondiale, nonostante si debba partire dall’ultima fila, potrebbe far passare il messaggio che è meglio arrendersi, quando le condizioni ci sono avverse. In realtà, Rossi deve dimostrare il contrario, deve far vedere di che pasta è fatto, deve dimostrare al mondo intero che lui è un vero guerriero, un centauro che non ama arrendersi, anche quando tutto e tutti sono contro di lui, anche quando le statistiche lo danno per spacciato.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Se le cose andranno male, almeno non avrà il rimpianto di non averci provato, mentre se le cose dovessero andare bene, se il miracolo dovesse accadere, sarà ripagato di tutti gli sforzi, sarà libero da ogni delusione, potrà fregiarsi a ragione del titolo di Re indiscusso della MotoGp. Per fortuna Valentino Rossi non è un personaggio comune, Valentino è un vero e proprio combattente ed è per questo motivo che sarà a Valencia – come da lui stesso confermato – e sarà li per fare una sola cosa, ovvero vincere il suo 10° titolo iridato.