Venerdi 2 Dicembre

MotoGP, per Valentino Rossi “è la battaglia più dura di sempre”

LaPresse

Valentino Rossi non vede l’ora di scendere in pista a Phillip Island: l’imperativo è cominciare bene il week end dalle libere

Il teatro della lotta infinita è incantevole: l’Australia e Phillip Island si presentano con il loro cielo azzurro, con temperature gradevoli che fanno sembrare il tutto più simile a un paradiso terrestre piuttosto che a un campo di battaglia.

Rossi contro Lorenzo e il Dottore sa esattamente cosa deve fare in questo cruciale week end: “È un campionato molto duro e lungo, da inizio stagione combattiamo punto a punto, ed è una cosa grande per tutti, e ti fornisce una grande motivazione, ma è difficile per la concentrazione. Il livello si alza, ho un vantaggio che però può pure diminuire anche se su questa pista che mi piace molto ho grandi ricordi e grandi risultati, ma i rivali sono veloci e temibili, e qui inizierà un’altra battaglia”.

 LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Sarà fondamentale indirizzare il week end sui binari giusti fin dalla prima sessione di libere: “Qui le prove sono molto importanti per arrivare pronti alla gara perché è un tracciato sempre temibile per le condizioni e il meteo che cambia spesso e può diventare freddo ed è sempre ventoso, in condizioni normali è una delle piste migliori, ma se piove è una delle più difficili. Ogni gara abbiamo sei corridori in lizza per il podio se non per la vittoria, come ha fatto vedere Pedrosa a Motegi, e poi vanno considerati pure Marquez e le Ducati. Credo che sia la più dura battaglia di sempre, ogni anno è diverso, ma è la stagione più equilibrata”.

Impossibile non fare una battuta anche sul rapporto con Jorge Lorenzo, suo compagno alla Yamaha e sua nemesi sportiva in questo campionato: “Grazie per l’interessamento, in realtà ho un diario segreto dove scrivo tutto… No, è sempre difficile combattere con il compagno, ma siamo insieme nel team, lavoriamo in squadra, ci rispettiamo ma siamo anche duri rivali: la lotta è difficile ma è normale. Non sono il più veloce, ma di solito sono molto costante, negli ultimi 2 anni ho lavorato molto sul setup e sono molto redditizio in gara. Sul bagnato sono forte, ma in ogni caso non è ancora finita, il migliore è quello che vincerà a Valencia”.

Grande, grandissimo Valentino Rossi: lui è già in campo, la battaglia è appena cominciata.