Domenica 4 Dicembre

Moto Gp: il papà di Simoncelli crede in Valentino

Al padre di Marco Simoncelli non è piaciuto l’episodio di Sepang ma crede che Valentino Rossi possa farcela

A me i moralisti un tanto al chilo non sono mai piaciuti. Semmai, per fare un ragionamento utile, dovremmo chiederci che effetto abbia avuto su un ragazzino che comincia a gareggiare in moto l’episodio di domenica tra Rossi e Marquez“. Così Paolo Simoncelli, papà del compianto Marco scomparso nel 2011 proprio a Sepang, commenta al quotidiano Il Giorno il contatto tra Valentino Rossi e Marc Marquez nel Gran Premio di Malesia. “Io penso che l’aspirante campione debba saper distinguere. La battaglia tra Vale e Marc è stata uno spettacolo supremo, per più di un giro, tra sorpassi e controsorpassi. L’epilogo brutto è un’altra cosa. È un’altra storia. Sa, l’istinto…“, ha aggiunto papà Simoncelli. “Nessun pilota è uguale all’altro. Ogni individuo ha meccanismi mentali suoi. Inoltre, non si arriva a una situazione del genere se non ci sono precedenti che alimentano uno stato d’animo“, ha spiegato ancora. “Non è stata una bella cosa, sicuro. Dopo di che, ripeto, io ai miei allievi dico di cogliere il buono, di apprezzare il talento, che fino all’attimo fatale è stato espresso dai contendenti. Il resto è cinema“, ha detto Simoncelli senior. Su cosa accadrà a Valencia, Paolo Simoncelli non ha dubbi: “Io, spero che Vale ce la faccia comunque. Può rimontare. Almeno al quinto posto risale tranquillamente. E dopo chissà“.