Sabato 3 Dicembre

Metta World Peace ce l’ha fatta: è nel roster dei Lakers

LaPresse/Spada

Niente taglio per Metta World Peace: i Lakers puntano su di lui per la prossima stagione

Metta World Peace ce l’ha fatta, vincendo l’ennesima sfida della sua carriera. Il 35enne cestita infatti, alla fine ha convinto Byron Scott e si è guadagnato un posto nel roster della squadra californiana dei Los Angeles Lakers. I Lakers optano per il taglio dell’ex guardia di Missouri Jabari Brown e puntano sull’esperienza di Metta World Peace che dopo aver lasciato il basket Nba nel 2014, aveva giocato in Cina prima di sbarcare a Cantù nel nostro campionato: “Devo confessare che è stata una decisione molto difficile tagliare Jabari – sostiene il coach dei Lakers Byron Scott – ma con una squadra così giovane poter contare sull’esperienza di Metta diventa fondamentale”.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Metta torna quindi nella Nba con un ruolo particolare: i Lakers, infatti, si aspettano da lui soprattutto leadership nello spogliatoio e un’influenza positiva sui giocatori più giovani del roster come D’Angelo Russell, Jordan Clarkson e Julius Randle. Proprio il rapporto particolare instaurato con l’ex giocatore di Kentucky, Julius Randle, aveva spinto Mitch Kupchack a portare Metta World Peace al camp dei Lakers: “Ho vissuto una situazione decisamente particolare – confessa l’ex giocatore di Bulls, Pacers, Kings, Rockets, Lakers e Knicks – per un veterano come me non è stato per nulla semplice provare a rientrare nella Nba lottando per un posto in squadra al camp. Avevo un obbiettivo e non è cambiato, cioè quello di tornare al basket Nba e provare a vincere il titolo”.

Un ruolo da chioccia per puntare poi su un futuro da assistent coach e poter allenare quindi in NBA, una prospettiva che non sembra spaventare per nulla Metta World Peace: “Per me sarebbe molto divertente, chi non vorrebbe allenare nella Nba?”.