Domenica 4 Dicembre

Lorenzo Insigne e il Napoli: sarà amore eterno?

Parla l’agente del talentino azzurro Lorenzo Insigne: per lui vede un futuro solo azzurro

Lorenzo Insigne si sta portando sulle spalle un peso importante: lui deve essere il talento puro nella piazza calda di Napoli, deve segnare e far segnare, deliziando i palati sopraffini ed esigenti dei tifosi. Lui, in questo inizio di stagione scintillante, sta incantando e i numeri sono dalla sua: 5 reti, 9 assist per i compagni, peccato solo un piccolo infortunio che lo ha costretto ad abbandonare il ritiro azzurro in vista dei decisivi match di qualificazione a Euro2016.

A corredo dello splendido momento di Insigne, arrivano le parole del suo agente circa il suo futuro con la squadra di patron De Laurentiis, un futuro che Fabio Andreotti vede solo azzurro: “Questo avvio esaltante? Era quello che ci aspettavamo. Lorenzo viene da quattro stagioni – due con Mazzarri, due con Benitez – nelle quali ha fatto molto bene. Si è sempre adeguato, di volta in volta, a quello che i suoi allenatori gli hanno chiesto. Sia Mazzarri che Benitez hanno contributo notevolmente alla sua crescita, gliene dobbiamo dare il merito e ringraziarli per tutto quello che hanno fatto. A Sarri dobbiamo riconoscere di aver individuato perfettamente il ruolo più congeniale al ragazzo, quello in cui mettere più in mostra le sue straordinarie qualità. I complimenti vanno, chiaramente, anche al calciatore stesso, che si è sempre adattato, ha sempre lavorato con dedizione e sacrificio, prendendo il meglio da ciascun tecnico che ha avuto. E’ un giocatore che si diverte, gioisce e questo si vede”. 

Una passione e un attaccamento alla maglia azzurra che arrivano da lontano: “Lorenzo è tifoso del Napoli fin da bambino. Ha avuto la possibilità di fare tutto il settore giovanile con i partenopei. Io, che lo seguo fin da quando era piccolino, posso dire che già si vedeva che era un predestinato. Il suo è un talento puro, accompagnato da un carattere forte, dalla caparbietà. E’ nata una bella favola, è vero: a 24 anni è nel giro della Nazionale, ha vinto un campionato di B, vanta oltre 100 presenze in A, è arrivato in finale agli Europei Under-21 e ha preso parte ad un Mondiale. Un sogno che si realizza”.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Per Insigne il suo procuratore vorrebbe un progetto a lunga scadenza coi partenopei, come un grandissimo del calcio italiano da sempre legato a una sola squadra: “Abbiamo manifestato in estate, direttamente a De Laurentiis, quella che è la nostra idea. Importanti club si sono interessati al ragazzo, lo scorso anno e anche la scorsa estate. Lorenzo ha sempre scelto il Napoli e lo dimostrano i fatti: quando era ragazzo ed era senza contratto, un importante club inglese ci contattò presentando un’offerta davvero considerevole. Nonostante questo, Insigne scelse Napoli a condizioni economiche molto meno ‘favorevoli’. Il presidente sa qual è la volontà del ragazzo, ora aspettiamo una risposta. Cosa chiediamo? Ci piacerebbe che Lorenzo potesse diventare per il Napoli, quello che è Totti per la Roma: un giocatore che si è legato al suo club, divenendone simbolo. Avere, di conseguenza, la giusta considerazione. Un rapporto con la società basato su delle certezze: garanzie tecniche, ambientali e di conseguenza economiche. Insomma, vogliamo capire quanto siamo importanti per il Napoli. I presupposti perché questo ‘matrimonio’ venga prolungato, secondo me, ci sono tutti. Ora non resta che aspettare la chiamata del presidente”.

Messaggio chiaro per il presidente: Lorenzinho Insigne ha fatto la sua mossa.