Lunedi 5 Dicembre

Klopp tende la mano a Mou: “potrei farci una bella chiacchierata, ma prima lo batto”

LaPresse/Daniele Badolato

L’allenatore tedesco dei reds, Jurgen Klopp, riserva belle parole per il collega del Chelsea, Josè Mourinho

“Ho assoluto rispetto per il suo lavoro. Penso che, a meno di essere un giornalista o un arbitro, sia un bravo ragazzo. E siccome non sono né giornalista né arbitro, possiamo fare una bella chiacchierata”.

klopp Jurgen Klopp riserva belle parole per Josè Mourinho alla vigilia del loro primo confronto in Premier League. Lo Special One naviga in cattive acque, un po’ per i risultati del Chelsea, un po’ per i procedimenti disciplinari a suo carico, ma il neo allenatore del Liverpool ne prende le difese anche se spera di ripetere quanto accaduto nella doppia semifinale della Champions 2012-13, quando il suo Borussia Dortmund ebbe la meglio sul Real Madrid del portoghese. In quell’edizione, tra l’altro, le due squadre si erano incrociate anche nella fase a gironi e complessivamente il bilancio di Klopp è di due vittorie, un pari e una sconfitta. “Quando ero in Germania, alle volte è capitato di scambiarci degli sms – racconta – Mi piace incontrare la gente ed è davvero una bella persona, che durante la partita mostra grande rispetto.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

E’ emotivo ma lo sono anch’io, c’è rispetto reciproco e dopo il fischio finale le nostre vite ripartono e si può parlare normalmente delle cose che succedono ed è quello che abbiamo sempre fatto. Tra di noi è tutto ok, non non c’è alcun problema”. Anche Mourinho aveva avuto belle parole per Klopp: “il Liverpool è una buona squadra, avevano un ottimo allenatore e ora ne hanno un altro. Jurgen non è un amico vicino perchè il calcio non lo permette ma mi piace molto e abbiamo un ottimo rapporto. Come allenatore, il suo lavoro parla da solo e lo considero fra i migliori in Europa”.