Mercoledi 7 Dicembre

Juve senti Dybala: “siamo i campioni d’Italia, giochiamo solo per vincere”

Daniele Badolato/Lapresse

L’argentino scherza anche sul rapporto con il compagno Morata: “ho un buon feeling con lui anche se lo batto sempre ai videogiochi”

Siamo la Juve e giochiamo sempre per vincere, sia in Europa che in Italia. Non siamo partiti bene in campionato, è vero, ma lotteremo fino alla fine“.

LaPresse/Fabio Ferrari

LaPresse/Fabio Ferrari

L’attaccante della Juventus, Paulo Dybala, non alza bandiera bianca malgrado il pessimo inizio di campionato dei bianconeri con solo 5 punti all’attivo in 6 giornate e 10 punti di ritardo dalla coppia di testa formata da Fiorentina e Inter. Il 21enne argentino ha particolarmente brillato nella vittoria in Champions League contro il Siviglia per 2-0. “Anche a Shanghai, in Supercoppa, non ero andato male -ricorda ai microfoni di Sky Sport-. Mercoledì sera mi sono trovato molto bene, perché abbiamo lottato per la vittoria sempre, dal primo all’ultimo minuto. In Europa si incontrano squadre più ‘aperte’ e i nostri giocatori, che hanno qualità, diventano molto pericolosi se si concede loro spazio. In campionato invece, magari incontri squadre come il Frosinone, che si chiudono per tutta la partita e poi riescono a trovare il gol su calcio d’angolo. Al invece Siviglia non abbiamo concesso nulla e non abbiamo corso rischi“.

Daniele Badolato/Lapresse

Daniele Badolato/Lapresse

Dybala è alla sua prima stagione in bianconero, dopo tre anni con il Palermo: “qui la mentalità è differente e anche i compagni trasmettono un’energia diversa, perché si gioca sempre per vincere. Io devo ancora migliorare. Sono qui da pochi mesi e tutti mi aiutano a crescere e mi motivano. Il mister sa cosa fare, è un ottimo allenatore e mi parla molto, mi fa capire come si gioca qui e come si deve scendere in campo per cercare di vincere ogni partita“. Una bella mano Dybala la sta ricevendo anche dai compagni, in particolare da Alvaro Morata, con cui si è immediatamente creato il giusto feeling: “mi ha mandato un sms quando ha saputo che sarei venuto qui -rivela l’argentino- e siamo subito andati d’accordo. È un bravissimo ragazzo e ho un ottimo rapporto con lui, in campo e fuori. In campo cerco di imparare da lui che è fortissimo, non a caso giocava nel Real. Fuori, non sarà contento, ma lo batto spesso ai videogiochi…”.

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Per concludere, due variazioni sul tema. La prima porta Dybala a commentare la lista dei possibili candidati al Pallone d’Oro, nella quale non figura Gigi Buffon: “Non tocca a me dare giudizi, ma certo è strano che non ci sia il portiere più forte di tutti i tempi…”. La seconda riguarda la sua prima convocazione nella Nazionale argentina: “mi spiace che non ci sia Messi. Sarebbe stato bello conoscerlo e giocare con il giocatore più forte del mondo. Lo troverò in altre occasioni. Per me è un momento speciale, anche perché non era facile venire convocati visti tutti i grandi attaccanti che ci sono“.