Venerdi 9 Dicembre

Inter, un lampo da primato: Icardi spegne il Bologna

LaPresse/Francesca Soli

Un guizzo di Mauro Icardi regala all’Inter il successo su un Bologna che con Destro nel recupero spreca un’incredibile occasione per pareggiare. In attesa della Roma, Mancini si gode una notte da primo in classifica

Un lampo a squarciare il cielo cupo sopra il Dall’Ara, un tocco da tre punti che spezza la monotonia di un match brutto e regala all’Inter non solo un successo che mancava da quattro giornate ma anche il primato in classifica, almeno per una notte. Quella di Maurito Icardi. L’argentino non segna più, l’argentino è in crisi. Dategli una palla buona, la trasformerà in oro. Detto, fatto. Ljajic gli serve una palla solo da appoggiare in rete, Icardi ringrazia ed esulta come non succedeva da un po’. Buone abitudini che ritornano. In un momento delicato. Perché dopo un primo tempo inguardabile per entrambe le squadre, l’Inter rimane in dieci per l’espulsione di Felipe Melo. Ma, come successo a Palermo, i nerazzurri si compattano ancora di più, al resto ci pensa Icardi.

LaPresse/Francesca Soli

LaPresse/Francesca Soli

Nel Bologna Delio Rossi prova la carta Mancosu al posto di Destro, ma la mossa non da i frutti sperati: anzi, il numero dieci rossoblù, entrato in campo nel finale, ha nell’ultimo secondo di gara la palla buona per il pareggio ma da zero metri riesce a centrare in pieno Handanovic. Destino. Segnato, come la panchina di Delio Rossi, ancora incapace di dare un’identità al Bologna. Che non può permettersi il lampo firmato Icardi e nelle notte del Dall’Ara la differenza in fondo è tutta lì.