Lunedi 5 Dicembre

Inter, le verità di Mourinho: “allenavo la squadra in dieci per via dei torti arbitrali”

LaPresse/PA

Nella sua autobiografia, José Mourinho svela anlcuni retroscena della sua avventura all’Inter: “allenavo la squadra per giocare 10 contro 11, poi con la Samp rimanemmo in 9…”

Il solito Mourinho. Irriverente, scoppiettante, vincente. E mai banale, nonostante certe verità siano più che mai scomode. Nella sua autobiografia sono tanti i retroscena interessanti mai emersi che riguardano lo Special One, quelli che riguardano la sua avventura all’Inter vengono riportati da ‘Globoesporte’: “In quella stagione ci furono molti errori da parte degli arbitri nei nostri confronti. Per sopperire a questi problemi facevo allenare la squadra 11 contro 10 in modo da farci trovare preparati in caso di un’espulsione di uno dei nostri giocatori. Purtroppo dimenticai di provare anche 11 contro 9 e puntualmente questa cosa capitò nel match contro la Sampdoria”.

Mourinho parla poi di alcuni giocatori di quell’Inter capace di vincere il triplete: “Sneijder era un numero dieci speciale, Zanetti il mio capitano e anche Materazzi è stato importante. Gente come lui ha fatto la storia dell’Inter”. Un pensiero anche sull’avventura alla guida del Real Madrid: “E’ un grande club, ma non è stato facile. Io, come sempre, ho dato il mio meglio e ho lavorato più duramente che mai. Siamo riusciti a vincere il campionato con un record di 100 punti e 121 gol, la Coppa del Re e la Supercoppa di Spagna battendo in finale contro il Barcellona”.