Giovedi 8 Dicembre

Insigne, l’sos dell’agente: “è come Baggio e Del Piero, va tutelato”

LaPresse/Gerardo Cafaro

Dopo le parole di Sarri, anche l’agente di Insigne invoca maggiore tutela verso il campione del Napoli: “mi auguro che i colpi al ginocchio siano solo coincidenze”

 Ieri l’urlo d’allarme da parte di Maurizio Sarri (“Insigne prende troppi calci al ginocchio)”, oggi le parole del suo agente Antonio Ottaiano a Radio Kiss Kiss Napoli e riprese da TuttoNapoli.net:Voglio augurarmi che siano solo delle coincidenze questi colpi al ginocchio ripetuti”. Lorenzo Insigne un patrimonio del calcio italiano da salvaguardare: “Certamente i calciatori come Lorenzo vanno tutelati, così come accadeva per Baggio o Del Piero. Certi interventi andrebbero puniti in maniera più decisa, se la gamba arriva a colpire il ginocchio può essere pericoloso. Speriamo che non si ripetano più questi episodi”.

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

L’agente di Insigne parla poi della stagione di Lorenzo, partendo anche da un’analisi tattica: “Sicuramente in questa posizione riesce ad essere più lucido in zona gol, i numeri parlano piuttosto chiaro. Siamo fiduciosi sulla possibilità di poter raggiungere la doppia cifra in campionato, anche se ricordiamoci che giocando nel suo ruolo più idoneo si è spesso avvicinato anche alle venti reti. L’anomalia credo sia stata negli anni scorsi, quando non aveva la possibilità di esprimersi nel modo che gli è più congeniale”.

Ottaiano, svela poi alcuni particolari della vita extracalcistica di Insigne: “Il suo desiderio è sempre stato quello di avere una famiglia, come dice il dottor De Nicola è un ragazzo nato vecchio. Già ai tempi del Foggia mi chiese come si potesse adottare un bambino, questo dimostra che è un ragazzo differente rispetto a quelli di adesso. Si allontana dallo stereotipo del calciatore, lui ama molto la sua famiglia e vive una vita molto tranquilla”.