Martedi 6 Dicembre

Il paradosso di Yaya Tourè: ricco calciatore disgustato dal mondo del pallone

LaPresse/PA

Il forte centrocampista del Man City rilascia forti dichiarazioni

Yaya Tourè è uno dei centrocampisti più forti al mondo: ha giocato nelle migliori squadre, vinto riconoscimenti personali importanti, guadagna un sacco di soldi grazie a uno stipendio faraonico eppure, quello stesso mondo che l’ha reso una star, lui lo disgusta.

Lapresse-Xinhua

Lapresse-Xinhua

Due vittorie nella Liga spagnola, due Premier Leauge, una Champions League, una Coppa d’Africa, quattro palloni d’oro africani consecutivi, tutto ciò non basta a renderlo felice, per un senso di disagio nei confronti del calcio davvero forte: “Tutti pensano che siccome ho vinto e guadagnato tanto io sia felice, ma non è così. Molte persone, anzi molti animali, ridevano di me quando ho lasciato il Barcelona per venire qui, accusandomi di pensare solo ai soldi. Tutto questo mi disgusta, così come le critiche che ho dovuto sopportare lo scorso anno quando, rientrato dalla Coppa d’Africa, non ho avuto un rendimento impeccabile. Si è cercato di infangare il mio nome, ma per fortuna ho una carriera e un palmares che parlano per me”.

Parole forti rilasciate a “L’Equipe” che stridono con l’idea del mondo e della vita dorata che pensiamo facciano le superstar del pallone: della serie, anche i ricchi piangono. E provano disgusto.