Martedi 6 Dicembre

Golf, Matteo Delpodio si mette in tasca l’Emc Challenge

Il golfista torinese ha centrato la sua prima vittoria nel Challenge Tour. Al sesto posto un altro italiano, Filippo Bergamaschi

Un grande Matteo Delpodio ha dominato nell’EMC Golf Challenge siglando la sua prima vittoria nel Challenge Tour con lo score di 279 colpi (69 68 71 71, -5) dopo una entusiasmante corsa di testa sull’impegnativo e selettivo percorso dell’Olgiata Golf Club.

matteo delpodioNel torneo, in calendario anche nell’Italian Pro Tour, ha completato il successo azzurro Filippo Bergamaschi ottenendo un gratificante sesto posto con 285 colpi (73 71 72 69, +1). Il vincitore, che ha ricevuto un assegno di 28.800 euro su un montepremi di 180.000 euro, con il quale si è messo in corsa per entrare tra i primi 45 dell’ordine d merito (è ora 36°) che andranno a contendersi 15 “carte” per l’European Tour 2016 a novembre in Oman, ha lasciato a tre colpi l’inglese Gary Boyd, secondo con 282 (-2) e a cinque i francesi Thomas Linard ed Edouard Dubois e lo svedese Sebastian Soderberg, terzi con 284 (par). Bergamaschi è stato affiancato dall’inglese Simon Griffiths, dallo spagnolo Borja Virto e dal portoghese Ricardo Gouveia, campione uscente. Così gli altri italiani: al 22° posto con 290 (74 73 73 70, +6) Stefano Pitoni, al 40° con 293 (+9) Francesco Laporta (74 72 72 75) e Andrea Pavan (72 76 72 73), al 45° con 294 (72 74 73 75, +10) Niccolò Quintarelli, al 50° con 296 (72 75 76 73, +12) Alessandro Tadini e al 58° con 299 (75 73 75 76, +15) il dilettante Luca Cianchetti. Sono usciti al taglio dopo 36 buche: Lorenzo Gagli e Leonardo Motta, 64.i con 149 (+7), Nicolò Ravano e Marco Bernardini, 71.i con 150 (+8), Andrea Maestroni, 82° con 151 (+9), Nino Bertasio, 98° con 153 (+11), e Andrea Rota, 111° con 172 (+30). Nella mattinata si è completato il terzo giro, in una gara in continuo ritardo per il maltempo, e Delpodio ha visto ridotto il suo vantaggio ad un solo colpo su Virto. All’inizio del quarto lo spagnolo si è defilato, mentre l’azzurro ha avuto qualche incertezza (un birdie e due bogey sulle prime nove buche), ma senza mai essere ripreso dai rivali. Si è avvicinato Soderberg, ma quando era a un colpo ha alzato bandiera bianca con un doppio bogey. Delpodio ha proseguito in maniera regolare, confortato dalle rassicuranti notizie del leaderboard, e ha messo il sigillo alla sua performance con un birdie alla buca 17 per il 71 (par) e per il titolo. Delpodio, trentenne torinese,dopo un’ottima carriera da dilettante, ha fatto buona esperienza sull’Alps Tour dove ha vinto quattro gare di cui tre nel 2010 (Peugeot Tour El Escorpion, Open International del Normandie, Masters 13), successi che gli hanno permesso anche di imporsi nella money list e di salire sul Challenge Tour. Il quarto nel 2012 (Open Samanah).