Martedi 6 Dicembre

Golf, all’ “Alfred Dunhill Links Championship” un terzetto in testa

LaPresse/PA

Il migliore degli italiani è Matteo Manassero 44mo. In testa Broberg, Mullen e l’irlandese Paul Dunne

Matteo Manassero è al 44° posto con 70 (-2) colpi nell’Alfred Dunhill Links Championship, evento dell’European Tour che si disputa con formula pro am a coppie e con la partecipazione di 168 concorrenti sui tre percorsi dell’Old Course St. Andrews, di Carnoustie e del Kingsbarns (tutti par 72), in Scozia. Avvio con parecchie difficoltà per Renato Paratore, 124° con 74 (+2), e per Marco Crespi, 165° con 78 (+6). In vetta con 64 (-8) un terzetto composto dallo svedese Kristoffer Broberg, che ha girato sull’Old Course, dall’inglese Jimmy Mullen e dall’irlandese Paul Dunne, entrambi impegnati al Kingsbarns. Al quarto posto con 65 (-7) il danese Soren Kjeldsen e gli inglesi Richard Bland e Antony Wall, al settimo con 66 (-6) l’australiano Marcus Fraser, tutti sul Kingsbarns.

matteo manassero1 Buona prova del tedesco Martin Kaymer e del nordirlandese Graeme McDowell, 16.i con 68 (-4), mentre non hanno brillato l’inglese Luke Donald, 67° con 71 (-1), lo statunitense Brooks Koepka, i sudafricani Ernie Els e Charl Schwartzel e il coreano Y. E. Yang, 90.i con 72 (par), e l’irlandese Padraig Harrington, 139° con 75 (+3). Una “hole in one” ha caratterizzato il cammino di Paul Dunne, che come detto ha giocato al Kingsbarns, il quale ha realizzato l’ace alla buca 15 (par 3, metri 183), unendovi poi otto birdie e due bogey. Praticamente cammino identico di Mullen con un eagle, sei birdie e due bogey, mentre Broberg ha infilato otto birdie senza sbavature. Per Manassero, all’Old Course, cinque birdie e tre bogey, per Crespi sul medesimo campo un birdie, cinque bogey e un doppio bogey. Per Paratore tre birdie, tre bogey e un doppio bogey al Kingsbarns. Ha rinunciato all’ultimo momento alla gara Edoardo Molinari, che in un tweet ha spiegato di essersi cancellato anche nei due successivi tornei e che riprenderà dalla Qualifying School. Il montepremi è di 4.460.000 euro con prima moneta di 708.171 euro. Il taglio avverrà dopo 54 buche, quando i concorrenti avranno giocato su tutti e tre i tracciati. Nella pro am guida la graduatoria con 59 colpi (-13 Kingsbarns) il duo Moritz Lampert-Christer Lihannar. Al 24° posto con 64 (-8) Matteo Manassero-Alessandro Del Piero, al 118° con 69 (-3) Renato Paratore-Peter Dawson e al 159° con 72 (par) Marco Crespi-Ludovico Del Balzo. Quanto a Del Piero, ha “twittato” in favore della candidatura italiana alla Ryder Cup del 2022: “#RyderCup2022 in Italia? Sarebbe bellissimo! La candidatura dell’Italia è molto forte, in bocca al lupo!”. Il messaggio di Del Piero va ad aggiungersi a quello di un altro campione del mondo, Andrea Pirlo, e a quello di un fuoriclasse del golf come l’inglese Justin Rose.