Sabato 3 Dicembre

Gli atleti scendono in campo per Roma 2024

Tanti gli atleti che supportano il progetto di Roma 2o24 e che sognano di vedere ospitate le Olimpiadi nella capitale italiana, scopriamo cosa pensano:

Alessia Filippi (ex nuotatrice, medaglia d’oro nei 1500 stile libero ai campionati mondiali di nuoto del 2009)

“Voglio sperare in questo sogno grandissimo, le Olimpiadi qui nella Capitale”

DSC08752Il sacrificio, quello che mi è servito ogni volta per raggiungere un obiettivo molto importante. La dedizione, andando in piscina tutti i giorni, mattina e pomeriggio. Non abbattersi e sapersi rialzare, dopo una caduta o una difficoltà. Questi sono i tre valori più importanti che mi ha insegnato lo sport. Portare le Olimpiadi a Roma, per me, è fondamentale. Si sentono ogni giorno cattive notizie. Questa, al contrario, sarebbe una cosa bellissima. Poi, lo scenario che ha Roma non ce l’ha nessun’altra città. Io ho partecipato ad un Mondiale qui a Roma. Ho avuto la fortuna di vincerlo e vincere una gara qui nella mia città, da romana, è stata un’emozione indescrivibile. La mia bimba ha solo 7 mesi e nel 2024 non potrà partecipare alle Olimpiadi, però, quando avrà 9 anni, portarla a vedere questo evento, nella sua città, sarà sicuramente un incentivo per farle praticare uno sport negli anni successivi. Voglio sperare in questo sogno grandissimo, le Olimpiadi qui nella Capitale. Lo dico in inglese: we want Roma!”.

Federico Marchetti (calciatore, portiere della SS Lazio)

“Se c’è la volontà, i muri si possono scavalcare. L’Italia ce la può fare”

marchetti de rossiTra i valori che fanno parte della mia cultura sportiva ci sono lealtà, rispetto e voglia di migliorarsi. Portare i Giochi a Roma è un segnale importante, soprattutto per il Paese. Organizzare un evento di questo tipo significa dare un segnale di ripresa. Le Olimpiadi sono sinonimo di aggregazione, una manifestazione che può dare ai giovani un indirizzo positivo e dei valori importanti. Noi abbiamo già i mezzi per portare a termine questo risultato. Se c’è la volontà, i muri si possono scavalcare. L’Italia ce la può fare, basta solo volerlo. Io, come sportivo, ci credo e l’Italia è un paese di sportivi. Per questo we want Roma”.

Alessio Sarri (schermidore paralimpico, campione nel fioretto maschile)

“Le Olimpiadi e le Paralimpiadi a Roma sono un lume di speranza”

alessio sarriSolo entrare nello stadio della cerimonia di apertura con la maglia azzurra ti dà un brivido unico, indescrivibile. Portare le Olimpiadi e le Paralimpiadi a Roma nel 2024 sarebbe fantastico. L’unico rammarico per me è non poterle vivere da atleta. Organizzare i Giochi sarà anche un modo per sensibilizzare gli italiani alla disabilità, per far vedere alla gente che cosa può fare un disabile, qualsiasi disabile, non solo chi è in carrozzina o chi ha un arto amputato. Cose che non può fare uno sportivo normodotato. Le Olimpiadi, ma soprattutto le Paralimpiadi, possono anche essere uno stimolo per chi è rimasto disabile da poco, per dare coraggio. Sono un lume di speranza e qualcuno che inizia adesso nel 2024 può già gareggiare. Per questo, we want Roma”.

Oxana Corso (classe 1995, atleta paralimpica specializzata nella velocità)

“Nel 2024 avrò 29 anni. Spero di gareggiare le Paralimpiadi tra le strade di Roma”

DSC08848La mia esperienza olimpica è stata fantastica. Alle Olimpiadi di Londra 2012 avevo appena 17 anni. I valori che mi porto dietro dall’Olimpiade vissuta sono corpo, mente e anima e scaturiscono dai tre agitos (blu, rosso e verde), simboli del movimento e degli sport Paralimpici. Fare le Olimpiadi del 2024 a Roma sarebbe un sogno. Facendo un po’ di conti, avrò 29 anni. Spero di poter vivere e gareggiare le Paralimpiadi qui, tra le strade di Roma. Giocarle in casa sarebbe un’esperienza unica. Le Olimpiadi portano con sé la cultura dello sport, del sacrificio, della fatica, del mettersi in gioco. La candidatura di Roma è un’occasione per il Paese di migliorare sia a livello sportivo che a livello umano. Noi sportivi ci crediamo. We want Roma!”.

Daniele De Rossi (calciatore, centrocampista dell’AS Roma)

“Le Olimpiadi a Roma, un evento unico”

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Il valore più importante è il senso di unione che dà lo sport, quello che ti danno gli sport di squadra, che io preferisco, ma anche quello che ti danno gli sport individuali. È la condivisione di un momento importante. Le Olimpiadi a Roma sarebbero qualcosa di strepitoso per la città. Lo dico da sportivo, da atleta, anche se nel 2024 non avrò l’età per partecipare. Lo dico da cittadino, perché è un’occasione per creare nuovi posti di lavoro, nuovo interesse su Roma, nuove aspettative. Lo dico da tifoso, perché avremo l’opportunità di vedere gli atleti più forti del mondo a due passi da casa nostra. È un evento unico, che non capita tutti i giorni. Le mie figlie nel 2024 avranno l’età giusta per capire che ci sarà un grande evento nella loro città. Racconterò loro che il papà ha vissuto questa manifestazione che da sempre fa vibrare e battere i cuori di tutti gli atleti. Le Olimpiadi di Roma sarebbero una cosa incredibile per la città, per noi. Dobbiamo fare in modo che questo avvenga. We want Roma!”.