Lunedi 5 Dicembre

Fiorentina, parla Pradè: “Scudetto parola senza senso. No a Mexes e Walace”

LaPresse/Jennifer Lorenzini

Il direttore sportivo della Fiorentina Daniele Pradè ha parlato del momento attuale della formazione viola, con un occhio di riguardo al prossimo mercato di gennaio

Rivelazione viola. La Fiorentina prima solitaria in classifica è una delle sorprese più belle di questo inizio di stagione, ma dall’ambiente viola il messaggio che arriva è chiaro: piedi per terra. “Siamo felici e contenti, oltre che consapevoli di doverci godere questo momento. Oggi siamo ripartiti – ha spiegato il direttore sportivo della Fiorentina Daniele Pradè ai microfoni di Sky Sport – ho visto tutti determinati sul campo, dobbiamo lavorare. Mercato a gennaio? E’ prematuro, non ha senso parlare di mercato. Adesso abbiamo una sola esigenza numerica, ovvero un difensore. L’acquisto di cui andiamo più fieri è l’allenatore, Paulo Sousa. Bernardeschi ha tutto per diventare un grandissimo giocatore, sente molto la maglia e si s a dimostrando molto maturo. Siamo felici per lui. Giuseppe Rossi? E’ stata una scelta reciproca. Noi gli abbiamo sempre dato fiducia e lui anche. Quando sarà al 100% sarà un bel vedere per tutti”..

Pradè indica calma: “Scudetto? Sono parole che non hanno senso. Non ci siamo dati nessun obiettivo, noi dobbiamo lavorare e restare umili. Non vogliamo metterci responsabilità addosso, ci godiamo il momento. Della Valle? Abbiamo una proprietà alle spalle che ci fa lavorare nel migliore dei modi. Le polemiche estive fanno parte di Firenze, è una città passionale che si accende e si spegne in un attimo. Mexes? Voglio essere chiaro, l’ho avuto alla Roma, ci abbiamo provato in estate ma l’operazione non si è fatta e ora non è più un obiettivo. Lisandro Lopez? Ci piace ma non è l’unico. Abbiamo le idee chiare, lavoriamo insieme a Rogg e Angeloni, cercheremo di fare il meglio. Walace? Ha prospettive importanti, ma non ci serve, abbiamo già preso Mario Suarez”.