Venerdi 9 Dicembre

F1, Ricciardo punge la Red Bull: “essere competitivo è più importante di stare sulla griglia”

LaPresse

Il pilota australiano analizza il caso motori 2016 che coinvolge la Red Bull. Poi una stoccata al compagno Kvyat: “qui in America voglio superarlo”

Non si aspettava una stagione costellata di problemi Daniel Ricciardo che, dopo le innumerevoli peripezie affrontate in pista, deve anche fare i conti con il “caso motori 2016” che coinvolge la Red Bull: “io sono sicuro che correrò il prossimo anno, però voglio essere competitivo. Essere nuovamente competitivo per il titolo è più importante di stare sulla griglia“.

LaPresse/REUTERS

LaPresse/REUTERS

Il pilota australiano sembra lanciare un segnale alla propria scuderia, esserci si, però con ambizioni da primato. Il Mondiale è ormai nelle mani di Hamilton, l’obiettivo di Ricciardo è chiudere al meglio la stagione: “arrivare 6° o 7° non fa differenza, l’importante è il team”. Infine una battuta sul compagno di team Kvyat: “un russo davanti a me in classifica? Qui in America voglio superarlo”.