Venerdi 9 Dicembre

F1, Haas: dubbi sull’abbattimento dei costi

Per il patron dell’Hass F1 Team, il mancato abbattimento dei costi nella Formula Uno e le numerose regole imposte dalla FIA  penalizzerebbero pesantemente le squadre più piccole

Anche se il neonato Hass F1 Team gareggerà nella massima Formula a partire dalla prossima stagione, Gene Haas, patron della Scuderia americana, ha espresso numerose perplessità relative alle regole che mettono pesanti paletti alle squadre in difficoltà economica, ostacolando in questo modo il fondamentale recupero nei confronti dei team più forti e facoltosi.ferrari-simulatore-store-cavallino

Hass ha inoltre sottolineato i costi sempre più elevati che vengono sostenuti dai vari Costruttori per la ricerca e lo sviluppo. Le squadre di oggi devono infatti sopportare gli elevati costi per le attività effettuate fuori dai circuiti, come ad esempio il potenziamento dei simulatori di gara e l’utilizzo dei sistemi CDF che vengono impiegati per colmare l’utilizzo delle gallerie del vento, limitato dalle regole FIA.

“Sì è sempre cercato di cambiare le norme per salvaguardare i costi, ma ogni volta che si prova a risparmiare del denaro si va spenderne di più“ – queste le dichiarazione di Haas riportate dal sito specializzato Motorsport.com – Penso che sia inteso che la Formula 1 debba essere vista come il massimo dell’eccellenza motoristica. Ma tutte queste limitazioni siamo sicuri che abbiano prodotto dei benefici? Forse le squadre più piccole stanno cerando di risparmiare sui costi, tuttavia spingere nei confronti dello sviluppo sia nella natura della Formula 1. Dal punto di vista dell’aerodinamica vengono concessi sempre meno test, ma questo spinge comunque i team ad andare a spendere i soldi da qualche altra parte”