Lunedi 5 Dicembre

F1, Fernando Alonso contro il team radio: “succede solo nella Formula 1”

LaPresse

Fernando Alonso confessa di non amare particolarmente il team radio e preferirebbe che ciò che viene detto lì rimanesse privato

Fernando Alonso e’ stato il grande protagonista della conferenza stampa del giovedì a Sochi. Ma al pilota della McLaren-Honda più che sulle aspettative per il GP di Russia, le domande sono state incentrate sul suo “team radio” nel corso della gara precedente a Suzuka, dove ha definito la sua monoposto di F.1 al livello di una GP2.

Lapresse / PA

Lapresse / PA

Durante la stagione sia io che Jenson (Button, ndr) siamo stati anche molto positivi sul team e la macchina incontrando i media, ma quando parli alla radio tutto dovrebbe rimanere privato, perchè può venire fuori la frustrazione di quando sei in battaglia e non riesci a tenere nessuno dietro. La F.1 è l’unico sport in cui questo avviene. Immaginate se nell’NBA o nel calcio si dovessero scoprire certe cose…” afferma Alonso che poi aggiunge: “Sono contento che si e’ sentito solo quello di Suzuka, perche’ se aveste ascoltato i miei o quelli di Jenson per tutte le altre gare, sareste ancor piu’ sorpresi” rivela il pilota di Oviedo.  “Io credo – aggiunge Alonso – che la cosa più importante successa a Suzuka non sia il ‘team radio’ di mercoledì quando sono stato in fabbrica a Sakura dove mi è stato illustrato il programma per il motore e la macchina del prossimo anno. Insieme alla Honda abbiamo esaminato tutti i problemi di quest’anno e cosa fare per il prossimo. Credo che questo sia il messaggio più importante: domenica c’era solo frustrazione. L’importante è progredire ed essere positivi per la prossima stagione. E se vi preoccupate di quello che pensavano gli uomini Honda per me è più importante quello che pensavano mercoledì piuttosto che domenica” afferma Alonso che ha concluso confermando che lui ha un lungo contratto con McLaren e intende onorarlo fino alla fine.