Martedi 6 Dicembre

Eurovolley: il capitano Simone Buti pronto a trascinare al sua squadra verso la finale

LaPresse/Marco Alpozzi

Simone Buti e compagni sono pronti per affrontare al meglio la partita di domani contro la Slovenia valida per accedere alla finalissima degli Eurovolley 2015

Il capitano azzurro Simone Buti è come sempre sereno e tranquillo, anche alla vigilia dell’importantissimo match dei quarti di finale: “Siamo contenti di essere arrivati sin qui. Vincere contro la Russia nel modo che abbiamo fatto noi non era semplice e tanto meno pronosticabile. Siamo anche consapevoli che ci aspetta una semifinale di alto livello. La Slovenia ha dimostrato di essere una grande squadra battendo la Polonia, superarla sarà comunque difficile e ci vorrà un’altra grande prestazione per riuscire a farlo.”

LaPresse/Marco Alpozzi

LaPresse/Marco Alpozzi

Sinora l’Italia ha dimostrato una grande forza d’animo, anche dopo le sconfitte con gli Usa in World Cup e con la Francia a Torino, è tornata in campo convinta e convincente
In squadra c’è l’atteggiamento di cominciare ogni partita come se fosse l’ultima. D’altronde in questa fase del torneo è come se fossero tutte finali. L’unica cosa è entrare in campo a testa bassa e cercare di spingere al massimo. Poi logicamente l’andamento della gara dipende anche dall’avversario che hai davanti: se ne trovi uno che ti tiene testa è più complicato, se ne trovi uno più malleabile è più semplice. Però la cosa più importante è entrare in campo sempre con lo stesso atteggiamento, quello di una squadra che non molla mai niente su ogni pallone. Questo, alla lunga, l’avversario lo soffre“.

LAPRESSE/CRISTIANO LARUFFA

LAPRESSE/CRISTIANO LARUFFA

Tra voi e la finale rimane l’ostacolo Slovenia, guidata da una delle leggende azzurre
Sulla panchina della Slovenia c’è Andrea Giani: Giangio è un mito per tutti gli appassionati di pallavolo, mio per primo, a prescindere. Loro sono una bella squadra composta di ottimi elementi. Quelli che giocano nel nostro campionato lo hanno dimostrato anche quest’anno. Non è semplice superarla, anche se qualcuno leggendo Slovenia pensa che non ha grande tradizione a questi livelli. Non ha il nome della Polonia o della Russia, ma è sicuramente una squadra forte, temibile, che ci metterà in difficoltà. Bisognerà partire carichi sapendo che ci aspetta un match difficile.
E capitan Simone Buti come ci arriva a questa partita?
Arrivo a questa gara come tutti i miei compagni: voglioso di far bene, voglioso di andare in finale.
Perchè giocare l’ultima partita è l’obiettivo di tutti noi: vogliamo arrivare a giocarci il titolo sino all’ultimo pallone.