Venerdi 9 Dicembre

Cruijff, direttore d’orchestra della più bella espressione del calcio moderno. Forza Johan!

Lapresse/Zumapress

Nessuna malattia fermerà le note, calcistiche e non, di un campione come lui, Johan Cruijff

C’è stato un prima e un dopo. Lui è stato lo spartiacque. Bello, veloce, elegante. Rapido, intelligente, furbo. Visionario, atletico, sensuale. Il suo nome: Johan Cruijff. Solista e uomo squadra. Nazionale Olandese e Ajax. Maglia arancione o biancorossa. Numero 14. Totale. Prima di lui Pelè. Dopo di lui Maradona. Adesso Johann è ammalato. Tumore ai polmoni. E allora forza Johann! Abbiamo imparato a giocare a calcio seguendo e imitando le tue gesta. Abbiamo sognato di andare in ritiro con le nostre compagne come faceva la tua Olanda. Abbiamo vinto partite indossando in campi di periferia una copia della tua maglia biancorossa. Sei stato il direttore d’orchestra della più bella espressione del calcio moderno. Continueremo a narrare le tue imprese e le tue giocate. Continueremo a suonare la stessa musica totale delle tue incredibili squadre. Nessuna malattia fermerà le tue note, calcistiche e non.