Domenica 11 Dicembre

Coppa del Mondo Spada: Garozzo e Bruttini ad un passo dal podio

Non sono riusciti ad accedere alle semifinali della Coppa del mondo di spada gli azzurri Enrico Garozzo e Lorenzo Bruttini

Si ferma ai piedi del podio la corsa di Enrico Garozzo e Lorenzo Bruttini nella prova individuale della tappa di Berna del circuito di Coppa del Mondo di spada maschile. I due azzurri infatti sono usciti sconfitti dai rispettivi assalti del tabellone dei quarti di finale, rimanendo fuori dalle semifinali. Garozzo, che nel suo percorso aveva sconfitto per 15-14 il transalpino Erwan Fonson, poi in rimonta, nel minuto supplementare, per 14-13 l’ucraino Anatoliy Herey, e quindi nel turno dei 16 l’altro ucraino Igor Reizlin col punteggio di 15-13, è stato sconfitto per 15-14 dall’estone Nikolai Novosjolov.

bruttini schermaBruttini, invece, è stato sconfitto per 15-12 dall’ungherese Peter Somfai, concludendo così una gara che lo aveva visto superare le qualificazioni nella giornata di venerdi e quindi, in sequenza, l’ungherese Peter Szenyi per 12-11, poi il sudcoreano Seunghwa Jung per 15-12 e, nel tabellone dei 16, il tedesco Joerg Fiedler col punteggio di 7-4. Si era fermato invece nel turno dei 16 Matteo Tagliariol. L’olimpionico di Pechino2008 ha superato dapprima il francese Ronan Gustin per 15-14 e poi, con lo stesso punteggio, il giapponese Kazuyasu Minobe, prima di essere fermato dall’estone Nikolai Novosjolov per 15-14. Stop nel secondo turno del tabellone principale per Marco Fichera. L’azzurro, dopo aver sconfitto il kazako Elmir Alimzhanov per 15-7, è stato fermato dal numero 1 del tabellone, lo svizzero Max Heinzer col punteggio di 15-13. Si era invece conclusa nel turno dei 64 la prova individuale di Paolo Pizzo, sconfitto 15-14 dal polacco Karol Kostka, di Andrea Baroglio, eliminato per 13-12 dall’egiziano Ayman Fayez e di Lorenzo Buzzi, superato 15-12 dall’ucraino Anatoliy Herey. Nella giornata di ieri, Lorenzo Buzzi aveva ottenuto l’accesso al tabellone principale, immediatamente dopo la fase a gironi, bypassando in questo modo le ‘forche caudine’ del tabellone preliminare che, invece, hanno interrotto i sogni di gloria degli altri azzurri in gara. Se infatti Fichera, Tagliariol, Baroglio e Bruttini avevano percorso indenni i turni del tabellone preliminare, mentre Gabriele Bino e Gabriele Cimini, invece, erano stati eliminati nell’assalto utile per approdare al tabellone principale, rispettivamente per mano dell’ucraino Herey per 15-9 e del danese Von Der Osten per 15-11. A fermarsi nel secondo turno del tabellone preliminare erano stati dapprima Massimiliano Bertolazzi, sconfitto 15-8 dal kazako Alexanin, ed Andrea Santarelli, superato 15-11 dal polacco Radoslaw Zawrotniak