Sabato 3 Dicembre

Cartoline dalla Serie B – Ruggito Vicenza, Cagliari e Livorno sabato da incubo

LaPresse/Gerardo Cafaro

Una sesta giornata di campionato imprevedibile quella appena conclusa: cadono Livorno e Cagliari, Cesena primo in classifica. Importante segnale del Vicenza, vince in trasferta anche l’Ascoli: il racconto della giornata

La cartolina sorridente della sesta giornata di Serie B arriva dal Partenio di Avellino e porta i colori biancorossi del Vicenza. I quattro squilli della squadra di Marino rappresentano un ruggito importante alle avversarie, quasi a voler dire con rabbia ‘ci siamo anche noi’. E nella corsa alla Serie A, play-off compresi, ci saranno anche loro. Il Vicenza non avrà la rosa del Cagliari, ma la complicità tra squadra e allenatore potrebbe fare miracoli.

Già, il Cagliari. Che oggi si lecca le ferite. A Pescara decide Padulano, per la squadra di Rastelli primo ko stagionale la cui responsabilità non può sicuramente essere addossata esclusivamente all’ingenuità di Davide Di Gennaro. Al Cagliari serve un gioco più fluido e, in primis, la capacità di lasciarsi scivolare addosso il peso dell’essere i favoriti.

Rossoblù che restano comunque primi in classifica, anche perché il Livorno esce sconfitto, meritatamente, dalla sfida con il Cesena che, lontano dai squilli di tromba, aggancia la vetta della classifica in coabitazione proprio con Cagliari e il Crotone, vera a propria sorpresa del campionato. In casa granata la domanda è d’obbligo: terminato l’effetto Panucci?

Era una giornata importante per cercare di delineare i primi equilibri relativi alla corsa salvezza e cosi è stato. Il netto ko del Como contro l’Ascoli apre la crisi per la squadra di Sabatini, importante successo la Ternana contro il Novara. Pareggio tra Brescia e Modena, vittoria importante per l’Entella contro la Pro Vercelli. Tornando nella zona alta della classifica, pareggio dello Spezia nella trasferta di Lanciano, vittoria in rimonta per il Bari sul Latina. E torna a sognare. In grande.