Giovedi 8 Dicembre

Basket: niente da fare per le azzurre contro la formazione americana

Le azzurre di Andrea Capobianco non sono riuscite a sovrastare la formazione americana, la più forte del mondo, ma hanno disputato un interessante e positivo

L’esordio di Andrea Capobianco sulla panchina della Nazionale Femminile si è concluso con una sconfitta ma contro una squadra difficile da battere, il Team Usa. Davanti a un buon pubblico, nel Palazzetto di Piazza Apollodoro, l’Italia è stata sconfitta 66-79 dalla squadra più forte del mondo, ma tante le indicazioni positive per lo staff tecnico. Chiara Consolini è stata la migliore marcatrice delle Azzurre con 16 punti, in doppia cifra anche Kathrin Ress a quota 10.
La partita è rimasta in equilibrio per almeno 30 minuti (il primo tempo si è chiuso sul 37 pari), poi le statunitensi hanno prodotto l’accelerazione che ha deciso la gara. Domani la squadra di Geno Auriemma giocherà un’altra amichevole a Napoli contro la Dike, poi il trasferimento in Repubblica Ceca.

Gianni Schicchi

Gianni Schicchi

La partenza è interessante – ha commentato Andrea Capobianco – l’aspetto positivo riguarda soprattutto il carattere delle ragazze, la loro voglia di giocare una buona pallacanestro con entusiasmo e spirito di sacrificio. Nel secondo tempo abbiamo verificato che non possiamo permetterci di abbassare la guardia e la concentrazione anche solo per cinque minuti, perché a questo livello ti ritrovi a -10 in un amen. Questi tre giorni di raduno e la partita di stasera rappresentano un ottimo punto di partenza, dobbiamo continuare con lo stesso entusiasmo e la stessa attenzione. I tempi sono molto ridotti, ci rivedremo a Lucca e dopo soli cinque giorni andremo in campo per il primo impegno ufficiale. Vietato distrarsi”.
Il raduno dell’Italia si scioglierà in serata, le Azzurre si ritroveranno poi per preparare la prima partita delle qualificazioni a EuroBasket Women 2017, in programma a Lucca il 21 novembre contro l’Albania. Quattro giorni più tardi si replica, a Manchester, contro la Gran Bretagna. Il girone prevede anche il Montenegro, che l’Italia affronterà a febbraio.