Sabato 10 Dicembre

Atletica: Carl Lewis alla Corsa dei Santi a Roma

LaPresse/Andrea D'Errico

Sarà Carl Lewis il testimonial dell’ottava edizione della Corsa dei Santi a Roma

Testimonial d’eccezione per l’8/a edizione della Corsa dei Santi a Roma. Nella Capitale è arrivato, infatti, il mitico Carl Lewis ‘il figlio del vento’, uno dei più grandi atleti della storia dell’atletica leggera mondiale. Con un bilancio di 9 medaglie d’oro e una d’argento in quattro diverse olimpiadi e otto oro, un argento e un bronzo in quattro mondiali, un oro e un bronzo ai giochi panamericani, l’ex velocista americano è una autentica leggenda. La 10 chilometri promossa dalla Fondazione Don Bosco nel Mondo, attende al via 4.523 iscritti provenienti da 48 nazioni. Il via sarà dato da Lewis, che presso la Sala Tevere ha preso parte alla presentazione dell’evento insieme al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. “L’atletica – ha detto il figlio del vento al sito della Fidal – può avere un ruolo fondamentale nell’abbattere i muri e rendere più unito il mondo. E’ per questo che domani dobbiamo correre insieme per aiutare qualcuno che ora ha bisogno di noi”. Al termine della corsa, Sua Santità Papa Francesco saluterà i partecipanti, come da tradizione, durante l’Angelus. In totale si attendono 6.000 partecipanti, inclusi i runners della non competitiva di 3 chilometri che ricalcherà parte del percorso della prova agonistica, uno tra i più affascinanti al mondo. Partenza e arrivo sono fissati in Piazza Pio XII, a ridosso di Piazza San Pietro, e il percorso si sviluppa nel centro storico di Roma con passaggi in Largo di Torre Argentina, Corso Vittorio Emanuele II, Piazza Venezia, Via dei Fori Imperiali, Piazza del Colosseo, Piazza di Santa Maria Maggiore, Via Nazionale, Traforo Umberto I, Piazza di Spagna, Via del Babuino, Piazza del Popolo, Via Cola di Rienzo, Via della Conciliazione. Come accaduto nelle passate edizioni, in lizza per la vittoria della 10 chilometri ci saranno diversi atleti di buon livello, soprattutto africani, i ‘padroni’ delle lunghe distanze. In campo maschile, tra i favoriti della vigilia ci sono i keniani Paul Sugut (vincitore nel 2014), Erastus Chirchir, David Kanda, Ezekiel Kiprotich Meli e il marocchino Jaouad Zain. In campo femminile, invece, attese protagoniste sono la ruandese Claudette Mukasakindi (vincitrice nel 2014), la keniana Ruth Chebitok e le due italiane Hanane Janat, e Annalisa Gabriele. La Corsa dei Santi si propone di suscitare l’attenzione su un’emergenza umanitaria proposta dalla Fondazione Don Bosco nel Mondo. L’appello di quest’anno ripropone il tema dell’anno scorso: il virus Ebola in Africa Occidentale, un terribile nemico che, grazie alla ricerca farmacologica e all’abnegazione di molte eroiche persone sta per essere definitivamente sconfitto, ma non senza lasciare sul campo dolorose rovine, soprattutto lacerazioni di famiglie spaccate e di bambini orfani. Per superare queste emergenze i missionari salesiani di Monrovia (Liberia) hanno messo a punto un progetto che si propone di offrire a questi bambini cibo, scuola e assistenza sanitaria.