Sabato 10 Dicembre

Abramovich conferma Mou, ma fino a quando?

LaPresse/PA

Secondo indiscrezioni provenienti dall’entourage del patron russo, Abramovich non sarebbe intenzionato ad esonerare Mourinho ma la pazienza non è infinita

Un vertice notturno del board del Chelsea, con il patron Roman Abramovich ha salvato, almeno per ora, Jose’ Mourinho dall’esonero, secondo quanto riporta il Daily Mail sul suo sito.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

La sesta sconfitta della squadra londinese, campione in carica, in questo inizio di stagione, contro il Southampton di Graziano Pellè, sotto gli occhi di Abramovich, presente in tribuna, e il sedicesimo posto in Premier, hanno fatto scattare l’allarme. Nonostante il patron russo sia furioso per l’attuale situazione del Chelsea, non vi sarebbe alcun pericolo immediato per Mourinho di perdere la sua panchina. Abramovich sa che Mourinho non tornerebbe mai per la terza volta nel club e non vuole prendere una decisione di cui potrebbe pentirsi più avanti. L’uomo d’affari russo ha già dovuto pagare 18 milioni di sterline al profeta portoghese quando ha concluso la sua prima esperienza al Chelsea, nel settembre 2007, a seguito di una serie di screzi tra patron e tecnico. Il proprietario del club, comunque, si rende anche conto che questa serie di risultati è la peggiore della illustre carriera di Mourinho, qualcosa che il portoghese ha riconosciuto in conferenza stampa. Mourinho ha vinto tre titoli di Premier League a Stamford Bridge, oltre all’FA Cup e tre Coppe di Lega. Il Chelsea riprenderà il campionato, dopo la pausa delle nazionali, con una partita in casa contro l’Aston Villa, il 17 ottobre.