Venerdi 9 Dicembre

8^ giornata serie A, Torino-Milan 1-1: Bacca e Baselli per un pareggio che non piace soprattutto ai rossoneri

LaPresse/Spada

Il Milan passa in vantaggio a Torino con gol del neo entrato Bacca: la gioia però dura poco perchè Baselli pareggia su invenzione di Belotti

Il Milan in visita a Torino è un cantiere aperto, work in progress come direbbero negli Stati Uniti d’America. Le dichiarazioni del presidente Berlusconi, dell’ad Galliani e dell’allenatore Mihajlovic, alla vigilia hanno messo in evidenza solo una gran confusione, fra aspettative disattese, investimenti che tardano a dare i loro frutti e il malcontento che anche quest’anno torna a essere generale.

Il Torino di contro è la solita isola felice: potrà mancare qualche punto, ma la serenità con cui si affrontano le varie partite e i meccanismi di gioco che riescono a memoria e alla perfezione, fanno riflettere sul fatto che lasciare maturare un progetto di calcio richieda tempo, tempo che troppe volte nel nostro calcio con allenatori sempre in bilico non vogliamo donare.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Questo posticipo del sabato sera è sembrato fin da subito un’occasione ghiotta per entrambe le squadre: risalire la china per il Milan cancellando fantasmi di un recente passato, mentre per il Torino sembrava essere il momento giusto per decidere cosa essere da “grande”, mantenendo ovviamente l’imbattibilità interna. Gran bella cornice allo stadio: i tifosi granata d’altronde sanno sempre apprezzarsi per il supporto che regalano al loro Toro.

3-5-2 per i padroni di casa allenati da Ventura, affidatosi a Quagliarella e Max Lopez in attacco, preferiti ancora una volta a Belotti mentre Mihajlovic nel suo 4-3-3 ha concesso un turno di riposo a Bacca, affiancando a Luiz Adriano l’estro di Bonaventura e puntando forte sullo spirito da ex di Cerci, rispolverato per l’occasione.

I primi venti minuti del match sono soporiferi, tutti bloccati dalla tensione e nell’affollato centrocampo: la prima occasione è dei rossoneri al 24′ con Montolivo in progressione, abile a spostarsi la palla dal destro al sinistro e impegnare con un insidioso rasoterra Padelli, che salva il risultato.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Il possesso palla è tutto dei granata che fraseggiano bene e a lungo, senza però trovare spazi necessari per sfondare: dall’altro lato Bonaventura è uno dei più attivi, insieme a Bertolacci e Montolivo: un corpo a sé stante invece l’attaccante Luiz Adriano, giocatore che quando stasera prende palla stupisce per le sue conclusioni o i suoi cross totalmente fuori misura. Pochi sprazzi anche da parte di Cerci, evidentemente senza ritmo partita.

Il primo tempo termina dopo due minuti di recupero: tanto equilibrio in campo ma poche, davvero troppe poche, occasioni da gol.

Seconda frazione di gioco che si apre con una sostituzione in casa Toro: Gazzi colpito duro nel primo tempo da Kucka rimane negli spogliatoi, al suo posto Vives. Più propositivo il Milan all’inizio della seconda frazione: Bertolacci, Kucka e Abate cercano di proporre giocate interessanti per gli attaccanti ma le loro sono idee con poco esito.

Al 56′ Bacca entra al posto di un impalpabile Luiz Adriano: se il brasiliano doveva risollevare le sorti dell’attacco rossonero, siamo messi davvero maluccio. E dopo 7 minuti Bacca cambia il volto del match: Bonaventura per Bertolacci che centra dalla sinistra, Bacca smarcato ha tutto il tempo per scaricare il destro oltre Padelli. Toro matato e gran gol per il colombiano.

E’ ancora il colombiano dopo la gioia personale a creare pericoli alla retroguardia del Torino: un minuto dopo il gol supera Padelli con un pregevole colpo di tacco ma Glik salva tutto sulla linea.

La prima vera occasione del Toro arriva al 70′: Baselli tira dai 25 metri e la palla, deviata da Alex, esce di pochissimo. 70 minuti per il primo tiro dei padroni di casa, roba da statistiche del calcio. Al 72′ entra Belotti e anche in questo caso, un uomo in uscita dalla panchina incide nel match: dopo un minuto il neo entrato controlla di petto per Baselli, ancora lui, che s’inserisce in area e di sinistro batte Diego Lopez sul suo palo.

All’82’ il Torino avrebbe la palla con Maxi Lopez di ribaltare il match ma l’attaccante argentino si fa ipnotizzare da Diego Lopez. Negli ultimi 10 minuti di gara invece non succede più nulla: 1-1 il risultato finale, il Toro continua nella sua imbattibilità, rimpianti per il Milan che avrebbe meritato di più in questo secondo tempo.