Martedi 6 Dicembre

Vuelta, Dumoulin maglia roja ma Aru resiste: è a 3 secondi e ci proverà ancora

LaPresse/EFE LaPresse/EFE

L’italiano stacca Purito e Majka ma deve accontentarsi della seconda piazza nella generale a 3″

Ricaricate le pile con il giorno di riposo, la Vuelta ha vissuto una giornata cruciale per il suo esito finale: la temutissima crono di Burgos, per un percorso di 37 km, con 4 protagonisti annunciati e racchiusi in poco più di un minuto e mezzo. L’olandese Dumoulin quarto nella generale alla partenza a 1’51” il favorito fra i migliori, con il capo fila Rodriguez sulla carta in difficoltà, Aru a difendersi e Majka come possibile sorpresa.

Purito Rodriguez ha preso il via per ultimo alle 16:49, Aru due minuti prima, Majka alle 16:45 e Dumoulin alle 16:43: fra i primi ad arrivare il miglior tempo è stato fatto segnare dal polacco Bodnar, un tempo rimasto in testa per molto, crono che non viene superato neppure dallo specialista portoghese e già vincitore di tappa Nelson Oliveira.

Partono i migliori e al primo intermedio le prime indicazioni importanti: Valverde e Aru si difendono, ma il miglior tempo è come previsto di Dumoulin e da lui l’italiano prende già 44”; male Majka che al primo intermedio prende più di un minuto dall’olandese come Purito, che è in ritardo addirittura di 1’11”.

Buona crono per Gianluca Brambilla che arriva e si posiziona con un tempo discreto rispetto a Bodnar. Dumoulin nel frattempo vola e la maglia rossa appare sempre più vicina: al secondo intermedio è ancora primo, davanti a Bodnar di 38”, Majka prende 2’11”, Aru becca 1’44” mentre Purito perde 2’38”.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Termina Valverde e arriva a 4 secondi da Bodnar: ottima crono per lo spagnolo, meglio del compagno colombiano Quintana che però gli si piazzerà davanti nella generale. Dumoulin al traguardo fa segnare un incredibile 46’01”, che gli vale il successo di tappa e non solo. A 2’38” Majka, Aru perde 1’53” e cede la rossa per pochi secondi, una vera e propria costante in questa Vuelta, avendo alla partenza 1’50” di vantaggio sull’olandese. Il leader della Corsa Rodriguez becca un ritardo importante di 3’06”.

Dumoulin quindi in rosso per 3″ su Aru, terzo Purito a 1’15”. Nelle prossime tappe il ciclista sardo cercherà di raggiungere il suo avversario in ogni modo, per riprendersi la maglia rossa e tentare di vincere questa edizione della Vuelta di Spagna.