Sabato 3 Dicembre

Tutta la gioia di Thohir dopo il derby

Il patron indonesiano dell’Inter entusiasta dopo l’inizio di campionato

Erick Thohir è arrivato all’Inter generando perplessità, un pò perché a passargli il testimone è stato un presidente nel bene e nel male interista fino al midollo, che per la sua Inter avrebbe messo a rischio la ricchezza di famiglia, un pò perché è stato il primo imprenditore asiatico venuto da lontano a fare sul serio nel nostro campionato: va dato atto al magnate indonesiano però di aver saputo fare le cose perbene, lavorando finora magistralmente sui conti con un occhio continuo al bilancio, rispettando i parametri del discutibile fair play finanziario, con acquisti importanti nelle varie sessioni di calcio mercato che sanno infuocare e calmare allo stesso tempo la piazza dei tifosi più esigenti. Già i tifosi, quelli che vogliono solo i risultati, che ti fischiano inclementi se sbagli tre partite di seguito (leggasi alla voce Juventus): adesso questi risultati cominciano ad arrivare e la già citata piazza comincia a credere veramente nel progetto Thohir.

Thohir-e-BarbaraUn presidente entusiasta dopo la vittoria nel derby che ha così commentato il buon inizio di stagione: “La vittoria contro il Milan è un grande risultato per il nostro club, soprattutto in considerazione del fatto che siamo solo alla terza giornata. Abbiamo diversi giocatori che devono ancora ambientarsi e molti che sono rientrati stanchi dagli impegni con le rispettive nazionali. Penso che abbiano giocato tutti molto bene. Sono orgoglioso della squadra e, ovviamente, dei nostri tifosi, che ci hanno fatto fare numeri da record creando un’atmosfera fantastica a San Siro e dando un grande supporto a Roberto Mancini e ai suoi ragazzi. Sono felice per il lavoro fatto dal club sul mercato, abbiamo creato un buon mix con giovani di talento e giocatori di esperienza. Quando avranno la possibilità di conoscersi meglio e di creare la giusta amalgama saremo ancora più forti. Subito dopo la partita ho chiamato Roberto Mancini e Michael Bolingbroke per congratularmi con loro e con tutto il team”.

Dichiarazioni di rito ma che riempiono il cuore dei tifosi nerazzurri di buone sensazioni.