Sabato 10 Dicembre

Tennis, Francesca Schiavone fuori dalle prime 100

LaPresse/Alfredo Falcone

Dopo cinque anni, Francesca Schiavone esce dalle prime 100 tenniste del ranking mondiale

Per la prima volta dall’11 settembre 2010 Francesca Schiavone uscirà dalle prime 100 giocatrici del mondo. Accadrà lunedì 14 settembre, all’indomani degli US Open. La 35enne milanese, campionessa del Roland Garros nel 2010 e finalista l’anno successivo, è arrivata a New York da numero 95 del ranking e si è arresa al primo turno a Yanina Wickmayer, numero 92, che a Flushing Meadows vanta una semifinale giovanissima nel 2009: 6-3, 6-1 per la belga, di quasi 10 anni più giovane.

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Una sconfitta amara perchè Francesca ha il rammarico di non aver potuto dare il massimo a causa di un infortunio alla spalla rimediato nei giorni scorsi in allenamento: “Sento dolore e se non riesco a spingere è difficile vincere un match in un torneo così duro – le parole della tennista milanese riportate dal sito internet della Federtennis – speravo di tenere meglio lo scambio ma è andata male. Questo mese negli Stati Uniti è stato un calvario, ho avuto sempre problemi fisici nei tornei che ho giocato“. Un ko che fa male e che la spingerà fuori dalle top 100: “E’ dura – ammette – ma a livello di risultati è giusto così, visto che in questo 2015 ho sin qui vinto poche partite. A livello di tennis, però, so di poter risalire“. La prova l’ha data la scorsa primavera al Roland Garros, nella sua Parigi, battendo la Kuznetsova al termine di una della partite piu’ belle ed appassionanti di tutto il torneo. “Ho poi perso con la Mitu – racconta – e quella è stata un’occasione mancata perchè centrare il quarto turno mi avrebbe fatta risalire in classifica“. Quindici anni di fila trascorsi tra le top 100 rappresentano un’impresa: è la decima miglior performance di sempre.

La Presse

La Presse

Al comando c’è Martina Navratilova con 1000 settimane, poi Amy Frazier con 951, Conchita Martinez con 928, Nathalie Tauziat con 849, Arantxa Sanchez con 839, Helena Sukova con 826, Steffi Graf con 823, Patty Schnyer con 788, Ai Sugiyama con 785 e appunto la Schiavone con 783. La Schiavone può raggiungere un altro primato: a New York ha collezionato la 61esima presenza consecutiva negli Slam. Il record tra le donne appartiene alla giapponese Ai Sugiyama, che si è fermata a quota 62, mentre tra i giocatori in attività solo Federer è più avanti a quota 64. Le basterà dunque giocare nel 2016 Australian Open e Roland Garros per superare la Sugiyama. Necessario, però, tornare tra le prima 100 per entrare di diritto in tabellone senza passare per le qualificazioni, a meno che non ottenga una wild card. “Onestamente ora non ci penso – sottolinea – in questo momento devo solo recuperare dall’infortunio e stare bene fisicamente per poi valutare cosa fare, quali tornei giocare. C’e’ ancora una fetta di stagione che mi puo’ consentire di recuperare posizioni“.