Giovedi 8 Dicembre

Si completa la seconda giornata di Champions: tutti i risultati

LaPresse/Fabio Ferrari

Emozioni e risultati sorprendenti nelle partite che completano la seconda giornata di Champions

È stata una serata per cuori forti, con molti risultati che hanno raccontato un equilibrio imperante nella massima competizione europea, con valori che spesso si sono mescolati.

La Juventus si riscopre bella di sera e batte il Siviglia in costruzione di Emery ma nel suo girone il Manchester City si riprende con il Borussia Monchengladbach e vince in trasferta per 2–1: in Germania i tedeschi segnano per primi con Stindl al 9’ del secondo tempo ma gli inglesi campioni della Premier in carica pareggiano con Otamendi al 20’ e poi segnano il gol decisivo al 44’ con il Kun Aguero. Citizens di nuovo in auge.

Nel tardo pomeriggio Astana e Galatasaray hanno impattato per 2–2: incredibile come 3 delle quattro reti siano stati autogol.

A Madrid l’Atletico ha subito una cocente sconfitta per mano del Benfica: hanno segnato Correa al 23’ per gli spagnoli mentre per i portoghesi ha prima pareggiato al 36’ Gaitan e poi al 6’ della ripresa ha attuato il sorpasso Gonçalo Guedes. Grattacapi per Simeone.

Gelo e notte fonda a Mosca per il PSV: i padroni di casa si impongono per 3–2 con reti di Musa e doppietta dell’ex romanista Doumbia, con Lestienne che ne fa due al 15’ e al 23’ della ripresa, rendendo meno amara la pillola russa.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

In Svezia a Malmo passa il Real Madrid ed è festa per Cr7: nonostante la resistenza eroica della squadra di casa, il fenomeno lusitano fa doppietta (29’ del primo tempo e 45’ della ripresa) e con 324 reti diventa il giocatore con più gol nella storia dei blancos. 2-0 e vittoria per la banda di Benitez.

A Manchester lo United fatica contro il Wolfsburg: il risultato finale è una vittoria per 2 –1 che fa bene come l’aria quando sei in apnea. Le reti di Caligiuri al 4’ e di Mata sul rigore al 36’ nel primo tempo e di Smalling all’8’ della ripresa.

Passa agevolmente in Ucraina il Paris Saint Germain dei big: lo Shakhtar Donetsk cade sotto i colpi di Aurier, David Luiz (primo tempo) e l’autorete di Srna al 91’ per 3–0.