Sabato 10 Dicembre

Rugby, Bergamasco contro il ct Brunel: “non ha saputo creare un gruppo vero”

LaPresse/Alfredo Falcone

Forti dichiarazioni quelle di Mirco Bergamasco a pochissimi giorni dall’esordio in Rugby World Cup contro la Francia

A pochi giorni dall’esordio dell’Italrugby nei Mondiali di Inghilterra 2015, sabato contro la Francia, l’ex azzurro Mirco Bergamasco, fratello minore di quel Mauro che si appresta a disputare il suo quinto torneo iridato, sferra un duro attacco al ct Jacques Brunel, con il quale i rapporti non sono mai stati facili.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Parlando a RMC Sport, Bergamasco jr. ha detto che “Brunel non ha saputo creare un gruppo vero in campo e fuori, non parla con i giocatori, lo fa solo con 4 o 5 di loro dimenticandosi degli altri. Non ha un dialogo o un contatto con tutti, in quattro anni non ha fatto gruppo e questo è il problema principale perchè ognuno dei 31 i giocatori deve sentirsi parte della squadra. Non ci si può basare solo sul rapporto con pochi“. Sulle possibilità degli azzurri in Inghilterra, dove giocheranno nel gruppo contro Francia, Canada, Irlanda e Romania, l’ex giocatore di Parigi dice di essere “molto pessimista“. “So che individualmente sono molto talentuosi – dice –, ma solo se tra loro saranno in grado di formare un gruppo vero ci saranno delle sorprese. In Inghilterra sarà dura.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Parisse? Non credo che contro la Francia ci sarà, e il problema è che quando manca un giocatore così talentuoso tutti si chiedono ‘e adesso Brunel come farà’?. Mio fratello Mauro? Ha meritato la convocazione per la stagione che ha giocato con le Zebre, ed è stato il migliore delle terze linee. Ma non è stato utilizzato nei test di preparazione“.