Lunedi 5 Dicembre

Parole vecchie per scenari moderni: l’attualità della Formula Uno secondo Ecclestone

LaPresse

Bernie Ecclestone palava così nel 2002, ma l’attualità di queste parole applicate oggi alla Formula Uno appaiono quanto mai azzeccate

La Formula 1 è sempre stata il top ed è sempre costata molto. Quando un costruttore arriva in F1 spende molti soldi. È normale che abbia il diritto di esprimere il proprio punto di vista. I team investono quello che pensano sia necessario per essere competitivi. Alcune case automobilistiche fanno investimenti colossali. Chi si lamenta dell’incremento incontrollabile dei costi farebbe meglio a pensare a quel che dice prima di prospettare scenari tragici. Molti proprietari di team si comprano aeroplani, barche, case o appartamenti in giro per il mondo. Ritengo che in F1 oggi ci siano delle persone che non dovrebbero esserci. Arrivano in questo mondo pensando di fare soldi. Come se la Formula 1 fosse un business come un altro. Non è così. E quando la situazione non funziona, queste persone dimostrano i loro limiti. Quando un team domina, è normale che susciti invidie e sospetti. Quando si vince si hanno sempre nemici”. Le parole sono di Bernie Ecclestone, il padrino della F1. L’intervista è del 2002. Attualissima.