Martedi 6 Dicembre

Notte da campioni: la Juventus batte il Siviglia 2–0 e si riscopre vincente

LaPresse/Daniele Badolato

La Champions si conferma un toccasana per i bianconeri: la Juventus si riscopre infatti bella di sera e batte il Siviglia con le reti di Morata e Zaza.

Partita da non sbagliare, per tanti motivi: per questo Allegri si è affidato al duo Morata–Dybala là davanti, con un centrocampo a 5 dove hanno brillato le stelle di Pogba e Cuadrado ma dove hanno ben figurato anche le geometrie di Khedira, più una difesa a 3 composta da Chiellini, Barzagli e Bonucci abile a proteggere il sempre vigile Buffon. Nel Siviglia di Gameiro, Reyes e Konoplyanka ancora panchina per Ciro Immobile, mentre in difesa ha ben figurato Andreolli.

È stato un match equilibrato, con le squadre che a tratti sono sembrate bloccate dalla paura, costrette entrambe al risultato da un inizio di stagione pessimo. La Juventus nel complesso non ha rubato nulla: più positiva e propositiva nella costruzione del gioco, ha ben retto agli attacchi spagnoli (pochi a dire il vero) e piazzato con il bomber di notte Morata la prima zampata vincente al 41’ del primo tempo su assist di Barzagli. Per il giovane attaccante spagnolo il record di segnare per la quinta partita consecutiva di Champions League, andando a pareggiare i conti con il campionissimo bianconero Alex Del Piero.

LaPresse/Fabio Ferrari

LaPresse/Fabio Ferrari

Buona occasione nel secondo tempo per Dybala, andato veramente vicino al raddoppio: improvvisa verticalizzazione di Bonucci, velo di Khedira e tiro col sinistro improvviso dell’argentino, ma è bravo Rico a respingerla. Vicino al raddoppio ci va anche Cuadrado ma anche qui manca quel qualcosa per mettere il risultato in cassaforte. È Zaza a chiuderla all’87’: contropiede favorito da una gran giocata di Dybala e Zaza che, dopo aver fatto 50 metri palla al piede, trafigge Rico.

Boccata di ossigeno per la banda di Allegri, che vola a punteggio pieno dopo due giornate e mette un’ipoteca sul passaggio del turno: l’imperativo adesso è continuare così anche in campionato. Con un attacco così, si può fare di tutto.