Giovedi 8 Dicembre

‘Notte bianca dello sport’, Vargas a SportFair: “sbagliato dare la colpa agli altri, al sud tanti talenti”

Jorge Vargas Jorge Vargas

Ance Jorge Vargas presente al Granillo per la ‘Notte bianca dello sport’. “In queste zone tanti talenti che si ‘perdono’ per stupidate”, il pensiero del cileno

Tuta rossa, occhiali da sole scuri e zainetto in spalla. All’apparenza uno spettatore normale, come uno dei tanti pronto a salire i gradoni del Granillo per vedere all’opera alcuni dei personaggi che hanno fatto la storia della Reggina. Invece no. Perché tra coloro che da li breve sarebbero andati in campo, c’era anche lui: Jorge Vargas.

Peccato che in una città come Reggio e una Regione come la Calabria non ci sia nessuna squadra in categorie superiori, come la A: il calcio a Sud è vissuto in maniera particolare. Tra questa gente – spiega l’ex difensore di Reggina, Empoli e Livorno a CalcioWebci sono tantissimi ragazzi bravi, che potrebbero emergere ma arrivati ad una certa età si ‘perdono’ per cavolate ed è importane che continuino a inseguire il loro sogno, senza dare la colpa ad altri, cosa che purtroppo sento spesso tra i giovani”.

Immancabile una battuta sul Livorno, club dove il difensore  cileno ha militano in passato: “Sta facendo un bel campionato, c’è un allenatore molto capace nonostante la poca esperienza e con grande entusiasmo: è una squadra che può arrivare fino in fondo nella lotta alla promozione”. Vargas da il suo giudizio sul campionato di Serie B: “Il Latina mi incuriosisce in positivo, il Cagliari dovrebbe vincere il torneo, il Modena invece è una squadra un po’ strana: la B comunque resta un campionato molto particolare e difficile da capire”.

Pochi dubbi, invece, su chi vincerà lo Scudetto: “l’Inter penso che otterrà la vittoria finale con tanti punti di distacco sulle altre squadre. Il motivo? Ha preso difensori forti e in Italia quella zona del campo è quella più importante”.